Un incontro tra passione e tecnologia, per dare vita ad una monoposto veloce, formativa e, al tempo stesso, economica. A condensare tutti questi elementi è stato il team Griiip, realtà nata in Israele ma con il ‘made in Italy’ nel proprio DNA, tanto da godere del supporto ufficiale di un partner del calibro di Aprilia. Il frutto di questo lavoro è l’accattivante G1, vettura pronta per dare vita all’edizione 2020 di una serie monomarca che sta raccogliendo sempre maggiori attenzioni.




Un bolide da oltre 200 cavalli, scaturito da un progetto nato ad opera di due giovani israeliani vogliosi di lanciare una formula entry level innovativa, performante e a basso costo. Questa è in breve la storia della Griiip, che si appresta a dare vita alla nuova stagione della G1 Series Italy, con sette appuntamenti (tutti su territorio italiano) in programma nell’ambito dei week-end della Formula X Italian Series. Un monomarca pensato per un target decisamente eterogeneo, ideale per i giovani provenienti dal karting ma anche per i gentleman driver vogliosi di cimentarsi a bordo di una vettura dalle prestazioni superiori a quelle di una Formula 4.Tutto questo con un budget assolutamente contenuto, che garantisce esposizione mediatica a livello internazionale (grazie agli accordi siglati con ESPN e Fiverr), diretta streaming delle gare, sfide al simulatore e un sistema integrato che permette di connettere piloti, pubblico e… giocatori virtuali.

LA VETTURA. Tutto è nato grazie all’iniziativa di Tamir Palchinsky e Gil Zakay, due ragazzi israeliani, il primo con alle spalle un’esperienza di lavoro in Dallara. L’idea iniziale è stata quella di realizzare un progetto estremamente curato dal punto di vista aerodinamico, puntando su un propulsore montato longitudinalmente per creare una “vera” monoposto da corsa. In questo modo è venuta alla luce la G1, vettura realizzata grazie anche alla preziosa collaborazione di Aprilia Racing, che ha messo a disposizione il proprio RSV4 capace di fare incetta di titoli nel Mondiale Superbike. La factory alle porte di Varano de’ Melegari (e situata a due passi dalla stessa Dallara) ha visto poi la nascita concreta del progetto: telaio tubolare, sospensioni push-rod, diffusore e ali regolabili sono solo alcune delle caratteristiche che rendono la G1 la monoposto entry level in assoluto più performante, capace di raggiungere picchi velocistici pari a circa 235 km/h.

G1 SERIES 2020. Il futuro del campionato si conferma ambizioso e ricco di novità interessanti. Dopo le prime due annate, utili per acquisire preziosa esperienza (entrambe conquistate dall’israeliano Yarin Stern), nel 2020 la serie monomarca lanciata da Griiip si prepara a compiere un ulteriore salto di qualità. La nuova stagione si svolgerà sull’arco di sette appuntamenti, ognuno composto da due gare (ciascuna della durata di 20’) precedute da una sessione di qualifiche e da quattro turni di prove libere. Uno degli aspetti più interessanti sarà legato al fatto che nell’ambito di ogni week-end si svolgeranno anche due sfide al simulatore tra i piloti, con il punteggio che sarà valido ai fini della classifica generale. Il via sarà sul mitico scenario di Monza il 27-28 Marzo, mentre i successivi appuntamenti andranno in scena sui tracciati di Varano, Adria, Cervesina, Magione e Vallelunga.

COSTI E VISIBILITA’. Uno degli obiettivi della G1 Series è quello di creare un campionato competitivo, capace di garantire un’ampia esposizione mediatica a costi decisamente accessibili. Oltre al già citato accordo con ESPN (che trasmetterà gli highlights nel continente americano) vi sarà infatti la diretta streaming di tutte le gare sui canali social della serie, oltre ad un’innovativa piattaforma che consentirà agli spettatori di accedere ai dati a disposizione del team in tempo reale. Il tutto a un costo di 58.900 euro (IVA esclusa) a stagione per l’acquisto della G1 e la partecipazione al campionato, oppure di 48.300 euro per il pacchetto “chiavi in mano”, comprensivo di monoposto pronta per correre, un set di pneumatici, affitto box, assicurazione, meccanici ed ingegnere di pista. Oltre al già citato Stern, tra i piloti protagonisti al volante della G1 vi è stato di recente anche Luca Filippi, presente e subito competitivo in un round disputatosi lo scorso anno, mentre grande attenzione ha riscosso anche la presenza del popolare youtuber Alberto Naska. Il tutto in attesa di dare vita ad una nuova stagione, la quale sarà ufficialmente presentata a stampa e piloti il prossimo mese sul circuito ‘Riccardo Paletti’ di Varano de’ Melegari: la G1 Series è pronta per il decollo!

Marco Privitera

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.