Non avrà un  grosso impatto dal punto di vista prettamente aerodinamico, ma la nuova ala anteriore di cui saranno dotate le monoposto di Formula E a partire dalla prossima stagione stanno già riscuotendo parecchi consensi sia tra gli addetti ai lavori sia tra i protagonisti in pista. Delle anticipazioni, a dire il vero, si erano avute negli scorsi giorni grazie a Dilbagh Gill, team principal della Mahindra Racing, che su Twitter aveva diffuso le primi immagini della nuova M3Electro (vettura per la prossima stagione), contestualmente a quanto fatto dal canale Snapchat della serie che aveva mostrato un'evoluzione della Renault e.dams impegnata in test dinamici sul tracciato di Varano de' Melegari.

Essere diversi dalle altre competizioni motoristiche e sperimentazione di soluzioni innovative. Sono questi gli obiettivi che la Formula E ci tiene ad ottenere, come dichiarato dal Ceo della serie, Alejandro Agag: “Noi puntiamo ad essere diversi, e questa nuova ala anteriore crea un look che è effettivamente diverso da quello di qualsiasi altra monoposto circolante sulle piste. Credo che questo elemento rappresenti una grande addizione al nostro concetto di auto e sottolinea il fatto che il nostro sia un campionato moderno, lungimirante, che sta adottando un approccio completamente unico, in assoluto nonché nel confronto con altre categorie”. Il presidente FIA Jean Todt ha così commentato: “Il Campionato di Formula E non è soltanto un grande ambiente in cui sviluppare un propulsore completamente elettrico con nuove tecnologie ed evoluzioni delle batterie, ma anche una piattaforma per la sperimentazione di soluzioni innovative, ovviamente anche quando si tratta di progettare auto da corsa e monoposto”.

Entusiasta anche il neo campione in carica, Sebastian Buemi: “Mi piace l’aspetto del nuovo alettone anteriore. Conferisce alla macchina un aspetto un po’ più futuristico ed è curioso come, all’interno della vettura, si possa vedere la parte superiore dell’ala: visivamente, anche per il driver al volante, c’è dunque un piccolo cambiamento. Vogliamo che la Formula E sia qualcosa di diverso e che abbia anche un aspetto diverso da quello solito, e la nuova ala è un buon modo per dimostrarlo. Non credo che l’impatto sull’aerodinamica sia troppo grande, perché ciò non sarebbe nello spirito di questo campionato. Il fatto che il campionato riparta daccapo a Hong Kong, insieme con una nuova lotta per il titolo, sarà certificato anche da come la monoposto saprà mostrarsi“.

Monoposto che nella nuova veste verrà mostrata ufficialmente nel corso della prima delle due giornate di test collettivi che si svolgeranno a Donington Park il prossimo 23 agosto.

Vincenzo Buonpane

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.