formula e calendario
Photo Credit: ABB FIA Formula E World Championship Twitter

Nella giornata di ieri il World Motor Sport Council ha approvato delle importanti novità per quanto riguarda la prossima stagione di Formula E. La serie elettrica, oltre a presentare un inedito calendario di 16 gare, adotterà un format delle qualifiche totalmente nuovo.

NUOVO CALENDARIO

Già nel mese di luglio la Formula E aveva rivelato una prima bozza di calendario della Season 8. In quella versione tra le novità spiccavano gli appuntamenti di Città del Capo, Seoul e Vancouver. Tuttavia, la tappa in Sudafrica, nel nuovo calendario non è più presente, mentre restano confermati i round in Canada ed in Corea del Sud.

La stagione inizierà il 25 gennaio con un doppio appuntamento a Diriyah, per poi sbarcare in Messico il 12 febbraio, dove si tornerà a correre nell’Autodromo Hermanos Rodriguez. Resta invece da annunciare il circuito sul quale la Formula E scenderà in pistai il 5 marzo, mente dopo 2 settimane dovrebbe disputarsi una tappa in Cina, anche questa da confermare.

Confermatissimo invece l’E-Prix di Roma il 9 aprile, prima di andare a Monaco alla fine del mese e a Berlino a metà maggio. Il Circus elettrico, dopo le tappe europee, si muoverà invece a Jakarta il 4 giugno, grande novità di questa nuova bozza di calendario. Tappe in America nel mese di luglio, con Vancouver a precedere il double header di New York.

Ultimo weekend del mese di luglio che vedrà la Formula E tornare a Londra, per poi dirigersi a Seoul per il gran finale nei giorni 13 e 14 agosto.

Calendario della stagione 8 della Formula E

NUOVO FORMAT DI QUALIFICHE E PIÙ POTENZA

La più grande novità della prossima stagione di Formula E è rappresentata sicuramente dalle qualifiche. Il vecchio format, criticato nel corso degli anni, sarà dunque abbandonato a favore di una competizione ad eliminazione. Primo round di due gruppi con ogni pilota in grado di effettuare più tentativi di giri veloci entro il tempo assegnato. I piloti che stabiliscono i primi quattro tempi di ogni gruppo passano alla fase successiva, un testa a testa a partire dai quarti di finale fino ad arrivare alla finale, che stabilirà il poleman.

quali_16x9

Altro cambiamento è rappresentato dall’introduzione di un tempo di gara fino ad un massimo di 10 minuti. Questo soltanto nel caso di una neutralizzazione della Safety Car o del Full Course Yellow durante la gara standard di 45 minuti più un giro. Le monoposto, inoltre, utilizzeranno 220 kW di potenza in gara (20 kW in più della stagione 7). Aumentata la potenza anche in fase di attack mode, che passa a 250 kW dai 235 kW della stagione 7.

Interessanti novità dunque in arrivo per la Formula E, un campionato sempre innovativo ma spesso poco credibile in favore dello spettacolo.

LEGGI ANCHE:

Formula E | Quale futuro per la serie full electric?

Carlo Luciani

Carlo Luciani, nato a Salerno l’8 luglio 1996. Vivo a Teora, in Irpinia, terra non propriamente nota per i motori. Nonostante ciò, fin da piccolo sono rimasto profondamente affascinato dal mondo del Motorsport, al quale mi sono avvicinato vedendo vincere Michael Schumacher sulla Ferrari. Alla passione per i motori ho unito quella per la scrittura, e ad oggi sono Giornalista pubblicista e laureando in Ingegneria meccanica presso l’Università Federico II di Napoli. Nel 2020, insieme al collega e amico Michele Montesano, ho pubblicato il primo libro marchiato LiveGP.it “Veloci più del tempo: i protagonisti italiani del Motorsport dagli albori agli anni ‘70”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.