Terminata la stagione di FIA F3 al Mugello con la vittoria di Oscar Piastri su Theo Pourchaire e Logan Sargeant, abbiamo avuto modo di incontrare nuovamente il neo vice-campione per un altra intervista esclusiva.

Indubbiamente un grandissimo protagonista il francese Pourchaire, che ha lasciato a bocca aperta grazie alla sua giovanissima età (con i suoi 16 anni infatti è il più giovane presente in griglia), ed ai grandi successi raggiunti quest’anno con il team ART GP, con cui ha conquistato il titolo di vice-campione assoluto e quello di campione fra gli esordienti.

Nella breve intervista a Pourchaire abbiamo chiesto di parlare dell’ultimo round, nel quale ha perso il titolo per un soffio e del suo futuro.

Ciao Theo, cominciamo a parlare del Mugello dove hai ottenuto due terzi posti, il titolo di vice-campione di F3 e sei diventato campione rookie.

“Il Mugello è stato un weekend molto buono. Eravamo settimi in qualifica, non era male, solo 3 decimi dalla pole position, quindi è molto. Abbiamo ottenuto dalla settima piazza alla terza in gara-1 e dall’ottava alla terza piazza nella seconda manche: un doppio podio che è stato incredibile!”.

“Ringrazio tanto il team per questo e sicuramente per il titolo di vice-campione. E’ pazzesco! Sicuramente avrei preferito vincere il titolo, ho terminato il campionato con tre punti in meno di Oscar, ma è così. Ringrazio ancora ART GP e Sauber Academy, è stata una stagione fantastica!”.

E’ stato un grande campionato, combattuto fino alla fine e tu hai ottenuto risultati sorprendenti.

“E’ stato un campionato molto buono, è stato un po’ difficile all’inizio, nel primo round, perchè ho dovuto scoprire tutto: la categoria, la macchina e tutto il resto… Nel primo weekend non ho raccolto nessun punto”.

“Nel secondo weekend è arrivata la prima vittoria e a Budapest il primo successo in gara-1, perciò è stato un buon inizio di stagione. Ho scoperto nuovi circuiti, come Silverstone, dove è stata difficile, con un podio nel secondo weekend. Per quanto riguarda Barcellona, ho raccolto altri punti, ma non è stato un gran weekend. Dopo è arrivato il turno di Spa-Francorchamps, non è andata male con un secondo e un quinto posto”.

“Quindi Monza, che per me è stato un weekend molto positivo. Ho ottenuto la mia prima pole position, ma poi è arrivata la penalità, che secondo me non è stata giusta… Non era chiaro per la FIA, ma è andata così. Infine due podi a Monza e altrettanti al Mugello, il finale di stagione è stato molto forte… Penso di essere stato quello che ha raccolto più punti nella seconda metà della stagione”.

“E’ stata sicuramente una stagione incredibile! La mia prima stagione cominciata a 16 anni, prima di compierne 17 alla vigilia della terzultima gara, sono stato quasi il più giovane in griglia… Arrivare dalla F4 e ottenere tutto questo è stato incredibile!”.

Parliamo del tuo futuro, perchè immagino tu voglia correre in F2 il prossimo anno. Puoi rivelarci già qualcosa?

“Il prossimo anno vogliamo approdare di sicuro in F2, questo è l’obbiettivo. E’ ancora difficile dire qualcosa adesso, poichè abbiamo appena terminato il campionato. Stiamo parlando con alcuni team, ma sicuramente il target principale è quello di correre in F2. Dopo questa bella stagione in F3, penso di essere pronto a sbarcare  in Formula 2. Il passo è un po’ più facile fra F3 e F2, rispetto a quello tra la F4 e la F3… Perciò vedremo, le cose sembrano positive, ma per il momento non c’è nulla di ufficiale, Stiamo aspettando”.

Leggi anche: FIA F3 | Mugello, gara-2: Lawson trionfa, ma il campione è Piastri!

Giulia Scalerandi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.