Non poteva chiedere di meglio dal weekend di Spa-Francorchamps (anticipato di un giorno per dare spazio alla 24h del Blancpain GT Series) il team Carlin, che conquista 3 vittorie su 3 manche disputate. Nel sesto round del FIA F3, dopo aver raccolto 2 pole position su 3 con Lando Norris (il pilota inglese ha conquistato 3 pole position, ma a causa di un incidente in gara-2 ai danni di Guan Yu Zhou, Norris è stato penalizzato con la retrocessione di 3 posizioni in griglia di gara-3), il team di Trevor Carlin porta a casa anche 2 vittorie con Lando Norris (conquistate in gara-1 e gara-3) e la prima vittoria stagionale per l'austriaco Ferdinand Hasburg. Buon weekend per il figlio d'arte Mick Schumacher, che con un sesto posto in gara-1 e due noni posti in gara-2 e gara-3, sale 2 volte sul podio riservato agli esordienti. Al vertice della classifica generale rimane Max Gunther (nonostante il ritiro di gara-3) con 266 punti, davanti a Norris, a quota 248 punti e ad Joel Eriksson, fermo a 240 punti.

Gara-1. Norris scattava davanti a tutti seguito da Callum Ilott e Jake Hughes. Subito Ilott affiancava il leader della gara, che però manteneva la prima piazza. Gunther affiancava Hughes e poco dopo Ilott saltava su un cordolo, Gunther attaccava Ilott, che urtava Hughes sollevando la sua vettura. Il britannico del team Hitech GP andava a sbattere contro le barriere accusando una sospensione rotta. Ilott scivolava in quinta piazza, mentre venivano sventolate le bandiere gialle e poco dopo la SC entrava in pista. Al re-start Norris si trovava ancora in testa , seguito da Gunther ed il russo Nikita Mazepin. Ralf Aron attaccava il russo, che si difendeva non lasciando spazio all’avversario. Ilott approfittava della lotta fra Mazepin ed Aron per superare l’estone. Ilott veniva penalizzato con un drive-through per aver messo KO Hughes. Schumacher attaccava Harrison Newey, salendo in settima piazza. Poco dopo Mazepin superava Gunther, salendo in seconda piazza. Il russo faceva segnare il giro più rapido, intanto Schumacer conquistava anche la sesta piazza, dopo l’attacco ai danni di Ralf Aron. Mazepin inanellava un altro giro veloce e poco dopo Norris tagliava per primo il traguardo, davanti allo stesso Mazepin, dunque Gunther, Jehan Daruvala, Joey Mawson e Mick Schumacher.

Gara-2. Norris scattava davanti a tutti seguito da Ilott e Zhou. Subito quest’ultimo infastidiva Ilott. Norris, Ilott e Zhou si affiancavano ed il cinese Zhou andava in testacoda, coinvolgendo anche Lando Norris, che rientrava nelle retrovie prima di decidere di ritirarsi. Ilott dunque saliva in vetta alla gara, seguito da Gunther e Jake Hughes. Gunther attaccava Ilott e saliva al comando, poco dopo Hughes attaccava Ilott, ma il britannico del team Prema si riprendeva la posizione sul connazionale del team Hitech GP. Ferdinand Hasburg attaccava Daruvala, salendo in quarta posizione. Dopo alcune tornate l’austriaco Hasburg, attaccava anche Hughes, salendo virtualmente sul gradino più basso del podio. Ilott attaccava Gunther, salendo nuovamente al comando, ma il tedesco Gunther si riprendeva la posizione sul compagno di squadra. Poco dopo Hasburg superava Ilott, guadagnando la seconda posizione. Hughes ed Eriksson attaccavano Ilott, salendo in terza e quarta piazza. Hasburg superava anche Gunther, salendo al comando, intanto Joel Eriksson saliva in terza piazza, dopo aver scavalcato Hughes. Poco dopo Eriksson attaccava anche Gunther guadagnando la seconda piazza. Vinceva dunque la sua prima gara stagionale Ferdinand Hasburg, davanti ad Eriksson e Gunther. Nona piazza per Schumacher.

Gara-3. Ilott scattava dalla pole, dopo la penalizzazione a Norris. L’inglese del team Prema, precedeva Zhou e Gunther. Norris affiancava Gunther, ma non riusciva a superarlo, intanto Zhou affiancava Ilott e passava al comando: Norris e Gunther affiancavano Ilott, superandolo alla curva Les Combes. Zhou quindi comandava la corsa, seguito da Gunther e Norris. Quest’ultimo attaccava Gunther e saliva in seconda piazza. Anche Ilott guadagnava una posizione ai danni del tedesco Gunther. Jake Hughes e Ralf Aron attaccavano Jehan Daruvala, intanto Hasburg e Newey lottavano per la nona posizione. Norris faceva segnare il giro più rapido, intanto Hughes infastidiva Gunther: il tedesco, tentando di difendersi, toccava la ruota dell’inglese, ma usciva di pista andando a sbattere contro le barriere. La SC entrava in pista ed al re-start Norris attaccava Zhou, salendo al comando. Dopo una breve bagarre, Eriksson scavalcava Aron, salendo in sesta piazza. Lo svedese del team Motopark Eriksson scavalcava anche Daruvala, guadagnando la quinta piazza, facendo, poco dopo segnare il giro più rapido. Eriksson saliva in seconda piazza, dopo l’attacco su Ilott, intanto Aron superava Hasburg, ma l’austriaco si riprendeva la posizione sull’avversario estone. Zhou superava Ilott: il britannico tentava invano di prendersi la posizione sul cinese. Trionfava dunque nuovamente Norris, seguito da Eriksson e Zhou. Schumacher chiudeva la corsa nono.

Debutto a Spa a bordo della vettura del team Carlin per l’indiano Ameya Vaidyanathan (proveniente dall’EuroFormula Open, dove disputa il campionato sempre con il team di Trevor Carlin), che rimarrà in FIA F3 fino a fine stagione. Terminata la tappa belga di Spa-Francorchamps, appuntamento al settimo round in programma a Zandvoort dal 19 al 20 agosto.

Giulia Scalerandi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.