Lando Norris e Callum Ilott: sono questi i nomi dei due vincitori del round olandese del FIA F3 European Championship, svoltosi sul tracciato olandese di Zandvoort. Il primo, pilota del team Carlin, ha conquistato gara-1 (precedendo Joel Eriksson e Maximilian Gunther) e gara-3 (avendo la meglio sul compagno di scuderia Ferdinand Hasburg e Max Gunther), mentre il secondo ha trionfato in gara-2 davanti ai connazionali Jake Hughes (pilota del team Hitech GP) e Lando Norris.

Buon weekend anche per il tedesco Mick Schumacher il quale, grazie ad un sesto posto in gara-1, un nono in gara-2 ed un undicesimo in gara-3, è salito tre volte sul podio riservato agli esordienti. La testa della classifica è passata dalle mani di Gunther a quelle di Norris, che ora conduce con 313 punti, seguito dallo stesso Gunther (a quota 302) e da Joel Eriksson con 258 punti.

Gara-1. Partito dalla pole position, Lando Norris manteneva la testa del gruppo, seguito da Joel Eriksson, Max Gunther e Ferdinand Hasburg. Il cinese Guan Yu Zhou tamponava l’estone Ralf Aron, il quale a sua volta urtava il tedesco David Beckmann. Quest’ultimo finiva nelle sabbia a testa in giù: solo un grande spavento per il giovane pilota del team Motopark che, grazie all’aiuto dei commissari, usciva illeso dalla vettura. Intanto la SC entrava in pista ed al re-start Eriksson affiancava Norris, che però riusciva a rimanere davanti allo svedese del team Motopark. Zhou veniva dunque penalizzato con un drive-through per aver causato l’incidente ai danni di Aron e Beckmann. Nelle ultime fasi di gara Callum Ilott e Hasburg lottavano per la quarta piazza, con Norris che trionfava con un margine di circa 7 secondi sullo svedese Eriksson e sul tedesco Gunther. Sesta piazza finale per Schumacher.

Gara-2. Ilott scattava davanti a tutti, dopo la penalizzazione di molti piloti tra cui Norris (autore della pole position) dopo la seconda sessione di qualifica per non aver rispettato la bandiera gialla. A seguire l’inglese erano Jake Hughes e Lando Norris. Intorno a metà gara il brasiliano Pedro Piquet finiva nella sabbia, dopo essere stato urtato dall’australiano Joey Mawson: la SC entrava in pista e dopo alcune tornate la gara riprendeva. La corsa era caratterizzata da un podio con i colori britannici grazie alla vittoria di Callum Ilott davanti ai connazionali Jake Hughes e Lando Norris (primo fra gli esordienti). Insieme a quest’ultimo, sul podio riservato ai rookie, salivano Schumacher (nono al traguardo) e Mawson. 

Gara-3. Il poleman Lando Norris scattava davanti a tutti, seguito dal compagno di squadra Hasburg e Gunther. Subito una lotta tra Ralf Aron e il russo Nikita Mazepin animava la gara, con l’estone che rimaneva davanti all’avversario. L’indiano Ameya Vaidyanathan subiva un drive-through a causa della posizione sbagliata in griglia. Ilott rientrava in pit-lane per sostituire l’ala anteriore, mentre Mawson e Schumacher davano vita a un bel duello. Eriksson tentava invano l’attacco su Beckmann e poco dopo usciva di pista rischiando di farsi superare da Jehan Daruvala. Piquet attaccava Hughes, ma l’inglese riusciva a rimanere davanti. Trionfava nuovamente Lando Norris (conquistando la settima vittoria), davanti ad Hasburg e Gunther. Lando Norris saliva inoltre sul gradino più alto del podio riservato ai rookie, seguito da Mawson e Schumacher.

Per il resto, nel weekend olandese da segnalare il rientro in pista per il giapponese del team Hitech GP Tadasuke Makino, il quale nei mesi scorsi si era fratturato un polso. Terminato il weekend di Zandvoort, l’appuntamento è per il 9 e 10 settembre, quando andrà in scena il terz’ultimo round stagionale, in programma sul tracciato tedesco del Nurburgring.

Giulia Scalerandi

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.