Jehan Daruvala passa il testimone a Louis Deletraz. E’ proprio il pilota svizzero ad affermarsi al comando nell’ultima giornata di test di FIA F2 a Sakhir. Grazie all’1:41.872 ottenuto nella mattinata, il figlio d’arte è riuscito a chiudere in vetta, precedendo lo stesso pilota del team Carlin e il portacolori Hitech Juri Vips.

Tempi più alti al pomeriggio, dove a svettare è stato il talentuoso pilota brasiliano Felipe Drugovich, che dopo aver terminato una brillante stagione con MP Motorsport, ha girato con UNI-Virtuosi, suo nuovo team per il 2021.

Alle sue spalle il giovanissimo vincitore della F3, Oscar Piastri, in pista con la vettura del team Prema e Marcus Armstrong (DAMS). A rappresentare il tricolore un giovanissimo pilota che si è distinto in F3: Matteo Nannini su HWA Racelab, il quale nella mattinata ha chiuso 20° e nel pomeriggio si è piazzato al 10° posto.

MATTINO

Deletraz è uno dei primi a scendere in pista e nelle prime fasi della sessione stampa un 1:41.827, rimanendo sino al termine in testa. Ralph Boschung (Campos Racing), effettua solo 9 giri: inizialmente rimane secondo, per poi scivolare in settima piazza, dopo che la propria vettura si ferma sul rettilineo principale.

Così come Boschung, anche Bent Viscaal deve terminare anticipatamente la sua mattinata di prove, poichè anche per il driver olandese si verifica uno stop sul rettifilo principale.

Daruvala termina secondo, dopo aver chiuso le due giornate precedenti al top. Quindi Vips (Hitech GP) con ben 46 giri e l’inglese passato a Carlin, Dan Ticktum. A seguire i due piloti provenienti dalla F3, Liam Lawson e Lirim Zendeli, rispettivamente al volante di Hitech ed MP Motorsport.

Settimo Boschung, davanti ad un altro grande protagonista del 2020 di F3, lo statunitense Logan Sargeant. Alle loro spalle Guilherme Samaia (Charouz) e Christian Lundgaard (ART GP) a chiudere i primi 10.

Undicesimo Drugovich, davanti a Robert Shwartzman, fresco di rinnovo con Prema, Marino Sato, Clement Novalak e Theo Pourchaire. Quindi Viscaal, Piastri, Roberto Merhi, David Beckmann e il nostro Matteo Nannini. A chiudere il gruppo il duo Dams formato da Armstrong e Nissany.

POMERIGGIO

La prima ora di sessione pomeridiana porta bene a Samaia, che si posiziona davanti a tutti. Con 1:43.612, il brasiliano si mette davanti a Beckmann e Merhi. Buon passo anche per Logan Sargeant, prima di uno stop. Il “colpevole” è Theo Pourchaire, che si ferma in pista e causa la sospensione della sessione.

Sargeant dopo il restart prosegue effettuando più giri di tutti: ben 53 per il pilota statunitense. Qualche giro buono per Roy Nissany, che permette al pilota del vivaio Williams di salire secondo. Cambio di gomme per Marcus Armstrong, così come per Drugovich e Piastri, i quali salgono al primo e secondo posto nell’ultima parte della sessione.

Armstrong termina terzo, davanti a Shwartzman. A seguire Novalak, Samaia, Nissany, Merhi, Beckmann e il nostro Matteo Nannini, in grande miglioramento. Quindi Zendeli, Deletraz (autore del miglior tempo della giornata), Lawson, Sargeant, Sato, Vips e Pourchaire.

Diciottesimo a fine giornata Lundgaard, davanti al duo Carlin Daruvala-Ticktum. Non hanno girato nel pomeriggio Boschung e Viscaal.

FIA F2 | Test Bahrain, day 2: Daruvala si conferma al vertice

Giulia Scalerandi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.