Pur senza il titolo mondiale in Formula 1, che manca da oltre 10 anni, per l’azienda Ferrari i record di utili e fatturato cadono uno dopo l’altro, ed è di quest’oggi la notizia che il marchio del Cavallino si conferma ancora una volta come il brand più forte del mondo.




La speciale classifica, redatta da Brand Finance e pubblicata come ogni anno in occasione del World Economic Forum di Davos, colloca la Ferrari al primo posto della classifica come il più forte dei brand che possono vantare la categoria massima, vale a dire AAA+. Con un punteggio di 94,1 su 100 il marchio di Maranello emerge come il più forte del mondo in base ad elementi come la scelta di consumatori, ma anche gestione del marketing e business performace, oltre che una fortissima gestione dell’immagine.

Date a un bambino un foglio di carta, dei colori e chiedetegli di disegnare un automobile, sicuramente la farà rossa“: in alcune delle parole più famose di Enzo Ferrari c’è tutta la forza di un brand che non solo rappresenta l’Italia nel mondo ma anche alcune delle sue migliori eccellenze, nello stile quanto nella tecnologia. Un sogno nato nel 1947 capace di conquistare da sempre la clientela più esclusiva del pianeta mettendo in vendita pezzi di sogni e opere d’arte su ruote.

9,1 miliardi di dollari viene valutato il valore del marchio, risultato straordinario tanto dal punto di vista industriale quanto sportivo e di immagine. Risultati, quelli del Cavallino, che rendono in un certo senso anche giustizia postuma all’opera di Sergio Marchionne, che su un rilancio totale delle vendite di Ferrari ha fondato gran parte dei suoi progetti per il futuro dell’azienda. Compresi Suv e motori ibridi, che entro pochi anni varcheranno anche i mitici cancelli di Maranello, segno di un legame indissolubile, per sempre, tra passione, sport e tecnologia.

Un sogno che continua. Dal 1947.

Stefano Denicolò

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.