Un nuovo weekend di gare è alle porte per i giovani piloti della F3. Questa volta, però, si tratta di una corsa slegata dal campionato continentale, visto che è ormai alle porte l'appuntamento con i prestigiosi Masters di Zandvoort, i quali vedranno in pista alcune novità ma anche tanti protagonisti della serie europea. Naturalmente nel weekend la F3 non sarà sola, poichè correranno anche l'ADAC F4, l'ADAC GT Masters, l'ADAC TCR Germany, il campionato centro-europeo di Renault Clio Cup e lo Spezial Tourenwagen Trophy.

La scuderia campione in carica, il Carlin Racing team, schiererà in pista il nostro Alessio Lorandi (unico rappresentante italiano), il quale avrà al proprio fianco due nuovi compagni (non saranno infatti presenti i due protagonisti del FIA F3, Ryan Tveter e Weiron Tan): si tratta dello statunitense Colton Herta (figlio dell’ex-pilota di Indycar Bryan, che ha corso in F3 britannica ed ora gareggia nell’EuroFormula Open proprio con il team di Trevor Carlin) e dell’indiano Ameya Vaidyanathan, il quale disputa la F3 britannica. Non saranno invece della partita il team Prema ed il team Three Bond with T-Sport.

Il team Hitech GP porterà in pista il russo Nikita Mazepin, mentre saranno assenti i piloti dell’europeo Ben Barnicoat e George Russell. Accanto al pilota del programma giovani Force India ci sarà un gradito ritorno, quello del thailandese Alex Albon, il quale lo scorso anno ha disputato il FIA F3 con il team Signature e quest’anno è in lotta per titolo GP3 con Charles Leclerc (suo compagno di squadra nel team ART GP) e Antonio Fuoco.

Sia il team Van Amersfoort che il team Motopark avranno gli stessi piloti dell’europeo FIA F3: saranno quindi della partita il britannico Callum Ilott, il francese Anthoine Hubert ed il brasiliano Pedro Piquet nel team olandese, mentre lo svedese Joel Eriksson, il cinese Guan Yu Zhou, il brasiliano Sergio Sette Camara e il finlandese Niko Kari (questi ultimi facenti parte del Red Bull Junior Team) difenderanno i colori della scuderia tedesca.

La scuderia austriaca Mucke Motorsport invece avrà fra le proprie fila solo il tedesco David Beckmann (assente il danese Mikkel Jensen), mentre con il team Fortec Motorsports correranno l’inglese Sam McLeod (protagonista lo scorso anno nel FIA F3) e l’australiano Ricky Capo, vincitore lo scorso anno del campionato australiano di F3 e protagonista quest’anno del campionato austrialiano GT.

Infine, il team Double R Racing schiererà l’australiano Thomas Randle, quest’anno protagonista nel campionato di F3 britannica, vice-campione lo scorso anno della F4 australiana e vincitore in F. Ford australiana 2014.

I piloti scenderanno in pista venerdì con la prima sessione di prove libere dalle ore 12.10 alle ore 12.50. La seconda sessione di prove libere invece si terrà dalle ore 17.05 alle ore 17.45. Sabato sarà il turno della sessione di qualifiche dalle ore 9.55 alle 10.25 e di gara-1 (composta da 12 giri) dalle 14.45 alle 15.10. Domenica invece si concluderà con gara-2 (composta da 25 tornate) dalle 15.00 alle 16.00.

Tra i vincitori più famosi dei Masters troviamo il successo nel 1991 di David Coulthard, la vittoria nel 1993 da parte di Jos Verstappen (e 21 anni dopo il successo del figlio Max), quindi Tom Coronel nel ’97, Takuma Sato nel 2001 (pilota giapponese che ha corso in Formula 1, Super Formula e Formula E e gareggia attualmente in Indycar); a seguire, nel 2005 la vittoria del campione del mondo in carica di Formula 1 Lewis Hamilton, quindi nel 2006 quella di Paul Di Resta (attuale pilota DTM), prima del successo nel 2007 di Nico Hulkemberg (pilota Force India) e nel 2008 del compianto Jules Bianchi. Doppio successo consecutivo quindi per il finlandese della Williams Valtteri Bottas con il team ART GP nel 2009 e 2010, quindi la vittoria di Felix Rosenqvist (campione in carica di FIA F3) nel 2011, quella di Dani Juncadella nel 2012 con il team Prema ed il secondo successo di Rosenqvist nel 2013. Il tutto a precedere i successi colti negli ultimi due anni da Max Verstappen e dal nostro Antonio Giovinazzi.

Staremo dunque a vedere se il numero 1 sul musetto possa portare fortuna al nostro Alessio Lorandi, aiutandolo nella rincorsa al gradino più alto del podio in modo da poter fare risuonare nuovamente l’inno di Mameli.

Giulia Scalerandi

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.