F1 logistica nuova normalità

Con il primo GP della stagione di F1 alle porte, Mercedes AMG ha pubblicato un filmato dove spiega le novità imposte dalla “nuova normalità” sulla logistica, organizzazione e viaggi della scuderia.

Prima parte del calendario in Europa

Con una situazione globale piuttosto fluida, in Mercedes AMG hanno avuto bisogno di continui “allineamenti” con i fornitori della logistica.

La prima parte della stagione in Europa semplificherà molte cose: ad esempio i trasporti saranno (per la maggior parte) su gomma, rendendone molto più facile la gestione in ottica misure sanitarie.

Il calendario, tuttavia, prevede un debutto con un triple header. Dal punto di vista della logistica le prime tre gare saranno trattate come un back to back, con una movimentazione prevista dopo il doppio GP in Austria in direzione Budapest.

GP Austria

Per quanto riguarda le gare al Red Bull Ring, in Mercedes AMG prevedono di portare il materiale in pista per le due gare in una volta sola. I fornitori di carburante e gomme dovrebbero attuare la stessa strategia.

La novità, in questo caso, consiste nelle consegne giornaliere dei pezzi, che non potranno avvenire direttamente nel paddock. In pratica le scuderie dovranno attrezzarsi per fare la spola tra i cancelli del tracciato e il paddock che, come sappiamo, costituirà una specie di “bolla”.

Un ragionamento simile sarà applicato per gli pneumatici e il carburante, che verranno consegnato in un collection point senza incontri tra chi farà la spola dai box e chi farà la spola dalla fabbrica.

Viaggi

Solitamente gli spostamenti del personale vengono effettuati su voli di linea: viste le misure in atto, Mercedes ha deciso di utilizzare voli charter impiegando terminal meno affollati. La salvaguardia dei membri della scuderia prevede la minimizzazione dei contatti esterni durante i trasferimenti.

La sfida più grande rimane la pianificazione dei viaggi in funzione delle misure sanitarie localmente adottate. Il problema risiede, più che altro, nel poco tempo avuto a disposizione (settimane, non mesi) per ripianificare la rete di spostamenti.

Retro-box

La logistica della F1 dettata dalla nuova normalità comporta una revisione anche dei materiali disponibili nel retro-box. Non ci saranno hospitality e le bisarche scaricheranno il necessario, lasciando più spazio ai box per il distanziamento sociale.

La scuderia di Brackley prevede di mandare del personale in anticipo sui campi da gara per far sì che il montaggio dei box proceda in tempo utile. In altre parole, ogni volta che la bisarca arriva, il materiale scaricato dovrà occupare gli spazi vuoti di un box già costruito.

Australia e trasporto via mare

Il video pubblicato dalla scuderia mette in luce tantissimi dettagli relativi alla complicata logistica dietro ad una scuderia di Formula 1, soprattutto in un periodo piuttosto complesso come quello attuale.

Molto interessante l’inciso viene ripercorso il frenetico fine settimana del… GP d’Australia e delle settimane successive. Il filmato (in lingua inglese) merita davvero di essere visto.

La scuderia di Brackley sembra pronta per iniziare il campionato 2020 e, prevedibilmente, anche le altre scuderie lo sono. Si prevede un Mondiale dalla gestione complicata, sia in pista che fuori.

Leggi anche: F1 | Gomme uguali per tutti: le scelte di Pirelli per la stagione 2020

Luca Colombo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.