Andretti Sauber
Credit: profilo Twitter Alfa Romeo Racing

Secondo le ultime voci che rimbalzano dagli USA in Europa, il piano e le speranze di Michael Andretti relativi all’ingesso in Formula 1 tramite l’acquisizione di una scuderia (nominalmente Sauber – Alfa Romeo Racing) sono, per il momento, sfumate.

Nelle settimane precedenti aveva preso corpo la voce per cui Andretti e il suo team (presente in molte serie automobilistiche) fossero interessati all’acquisizione della Sauber. Gli elvetici corrono attualmente sotto il nome di Alfa Romeo Racing, come da accordo di branding sottoscritto nel 2019 e riconfermato nel 2021. In precedenza, più di preciso nel 2016, la scuderia era stata acquisita dalla Longbow Finance.

Trattativa sfumata

Stando a quanto si apprende non da fonti ufficiali, le parti in causa (Andretti e Sauber) non hanno trovato un accordo sui termini di vendita. Per questi motivi l’operazione, almeno per il momento, può considerarsi andata in fumo, fermo restando che le discussioni in relazione alla proprietà del team elvetico rimangono un tema non di pubblico dominio.

Michael Andretti, dunque, pare essere destinato a non tornare nella massima Formula (ricordiamo la sua esperienza, come pilota, nel 1993 con McLaren), almeno sul breve periodo. Secondo alcune speculazioni Andretti avrebbe stretto contatti con Alpine per formare un “junior team” e questo potrebbe aver portato alla “chiusura” con Sauber. Ammesso e non concesso che la voce sia fondata, chiaramente il progetto rimane pendente su una questione di appoggio finanziario da parte dei transalpini.

Speculazioni

L’interesse di Andretti nel tornare in Formula 1 con un suo team aveva portato avanti speculazioni sul futuro di Colton Herta. Le voci volevano l’americano nel Circus proprio grazie al team di Michael. Rimaneva aperta la questione su come l’eventualità potesse avere luogo. visto che Colton non ha il necessario punteggio FIA per il conseguimento della Superlicenza.

Pur non avendo nessun tipo di dichiarazione ufficiale a supporto, vale la pena di chiedersi quali fossero i piani di Andretti in Formula 1 e quanto tra le norme vigenti per lo sbarramento all’ingresso di nuove scuderie o nuove proprietà abbia contribuito al naufragio dell’affare.

Luca Colombo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.