qatar
Credits: F1Communications

Ora è ufficiale: il Qatar debutterà nel calendario 2021 della Formula 1 nel weekend del 19-21 novembre. Dopo le indiscrezioni delle scorse settimane, la notizia è stata confermata in modo congiunto da Liberty Media e dalla Qatar Motor & Motorcycle Federation (QMMF), con il tracciato qatariota che prende il posto di Melbourne.

 

Ma il sodalizio è destinato a proseguire nel tempo, visto che l’accordo prevede la presenza del tracciato di Losail per 10 anni a partire dal 2023, con la gara che non verrà disputata nella prossima stagione a causa dei Mondiali di calcio che si disputeranno nel 2022 proprio in Qatar.

IL TRACCIATO

Già teatro di gare di MotoGP (in notturna) e Superbike, il Losail International Circuit si trova circa a 30 km dall’aeroporto di Doha e a 20 km dal centro della città, è stato costruito in appena un anno, impegnando 1.000 lavoratori e spendendo 58 milioni di dollari. Inaugurato il 2 ottobre 2004 con il Grand Prix of Qatar, vinto da Sete Gibernau, dal 2007 è tappa di apertura del Motomondiale, dal 2008 si corre in notturna, grazie a un potente impianto di illuminazione (consuma energia sufficiente a illuminare un paese di 3.000 abitazioni) ed è circondato da un ampio prato in erba artificiale che impedisce alla sabbia del deserto di invadere la pista. Lungo 5.380 metri, conta di 16 curve raccordate da brevi tratti rettilinei e un lungo rettifilo di circa 1 km.

OBIETTIVO RAGGIUNTO

Ovviamente soddisfatto Stefano Domenicali, CEO e Presidente della F1, per l’obiettivo raggiunto delle 22 gare nel calendario 2021: “Siamo molto lieti di accogliere il Qatar nel calendario della Formula 1 in questa stagione e per il lungo termine dal 2023. La Qatar Motor & Motorcycle Federation e le autorità sono state incredibili e si sono mosse a grande velocità per garantire che la gara possa svolgersi in questa stagione a il Circuito di Losail, famoso per molti come l’ospite della MotoGP”.

Abbiamo dimostrato che possiamo continuare ad adattarci e c’è un enorme interesse per il nostro sport e la speranza da molte località di avere un Gran Premio. L’enorme sforzo di tutti i team, della F1 e della FIA ha permesso di realizzare un calendario di 22 gare, qualcosa di davvero impressionante durante un anno impegnativo e qualcosa di cui tutti possiamo essere orgogliosi“.

GIORNO SPECIALE PER IL QATAR

Entusiasmo alle stelle per Abdulrahman Al-Mannai, presidente della Qatar Motor & Motorcycle Federation, che dopo la MotoGP si è assicurato per 10 anni anche la Formula 1: “Questo è un giorno molto speciale per Qatar Motorsport e per le ambizioni della nostra nazione come ospite di importanti eventi sportivi. Sono molto orgoglioso di essere stati in grado di supportare la Formula 1 intervenendo e ospitando una gara nel nostro paese in un lasso di tempo così breve, assicurandoci anche un accordo rivoluzionario a lungo termine con la F1“.

Questo entusiasmante accordo significa che il Qatar sarà la casa sia della Formula 1 che della MotoGP per il prossimo decennio, che sono gli eventi di punta del motorsport globale. Abbiamo una storia orgogliosa nel motorsport e questo è il prossimo capitolo per noi. Il Qatar sarà un’ottima destinazione per la F1 e non vediamo l’ora di accogliere presto tutti i piloti, le squadre, i media e i fan“.

Vincenzo Buonpane

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.