perez messico
Photo credit: Red Bull Racing Honda Twitter

È il padrone di casa Sergio Perez il più veloce di tutti nella terza ed ultima sessione di prove libere del GP del Messico. Il pilota Red Bull ha fatto segnare un tempo di 1:17.024, mettendosi alle spalle anche il suo compagno di squadra Max Verstappen, secondo a quasi due decimi. Dominio totale delle vetture di Milton Keynes, con le Mercedes subito dietro ma con ampio distacco.

RED BULL PRENOTA LA PRIMA FILA

Un gran giro da parte di Perez, realizzato a tre minuti dal termine della sessione. Ma grandissima prova di forza da parte della Red Bull, che stacca di oltre 6 decimi i rivali della Mercedes. La parola d’ordine per la giornata di oggi è dunque pole position, con i due compagni di squadra che, oltre a contendersi la partenza dal palo, proveranno a monopolizzare la prima fila.

Lontane dunque le Mercedes, ma con i suoi due piloti molto vicini tra loro. Cronometro stoppato in 1:17.675 per Lewis Hamilton, terzo davanti a Valtteri Bottas per soli 33 millesimi di secondo.

LONTANI GLI ALTRI

Decisamente lontani tutti gli altri, con Carlos Sainz primo degli altri a ben un secondo dalla prima posizione. Sempre veloci entrambe le AlphaTauri, con Yuki Tsunoda sesto e Pierre Gasly ottavo. Attenzione anche alle McLaren, con Daniel Ricciardo che ha strappato il settimo tempo. Soltanto nono invece Charles Leclerc, seguito da Lando Norris a chiudere la top ten. Il pilota britannico, però, domani scatterà dal fondo per aver montano la quarta power unit.

Appena fuori dalla top ten Lance Stroll, anche lui “condannato” a scattare dal fondo sempre per sostituzione della power unit. A seguire le due Alfa Romeo Racing di Kimi Raikkonen ed Antonio Giovinazzi, rispettivamente dodicesimo e tredicesimo.

Poco lontano Sebastian Vettel in quattordicesima posizione, seguito a più di due decimi da Fernando Alonso, più veloce del suo compagno di box Esteban Ocon. Ultime posizioni che invece vedono le Williams e le Haas.

Appuntamento alle 21 con le qualifiche.

Immagine

LEGGI ANCHE:

F1 | GP Messico, Ferrari: un’altra gara tutta in salita?

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.