Dopo un inizio di week-end caratterizzato da cielo coperto e temperature non particolarmente elveate, il sole ha fatto finalmente capolino sulle colline della Stiria, per dare il benvenuto al nono appuntamento della stagione 2018 di Formula 1. Una sfida che vedrà Valtteri Bottas scattare per la seconda volta consecutiva al Red Bull Ring in pole position, al termine di una qualifica che lo ha visto precedere di un'inezia il compagno Lewis Hamilton, a dimostrazione della superiorità sin qui messa in mostra dal duo Mercedes. Dopo la penalità di tre posizioni inflitta a Sebastian Vettel, toccherà a Kimi Raikkonen svolgere il ruolo di "prima punta" Ferrari almeno nelle prime fasi, dovendosi però al contempo guardare le spalle dagli attacchi del temibile Max Verstappen. Come sempre, seguiremo giro dopo giro l'intera gara con la nostra cronaca web ed il commento in diretta su Radio LiveGP. Allacciate le cinture!

 

Bandiera a scacchi! Max Verstappen conquista il Gran Premio d’Austria davanti alle Ferrari di Raikkonen e Vettel. Quarto e quinto posto per le Haas di Grosjean e Magnussen. A punti anche Ocon, Perez, Alonso, Leclerc ed Ericsson.

70/71: ultimo giro! Tifosi sugli spalti in delirio per Verstappen che si appresta a conquistare la quarta vittoria in carriera.

68/71: 3 alla fine. Verstappen gestisce le gomme in questo finale di gara mantenendo 2.5 di margine su Raikkonen e 4.1 su Vettel.

66/71: Raikkonen si porta a 2.8 da Verstappen. Il finlandese sigla il giro più veloce della gara in 1:06.975.

64/71: si ritira Hamilton! Clamoroso doppio problema in casa Mercedes, con il britannico che abbandona la vettura a bordo pista.

63/71: Verstappen tiene duro in testa, mentre Vettel guadagna oltre mezzo secondo su Raikkonen.

59/71: le Ferrari lanciano l’attacco a 12 giri alla fine. Raikkonen e Vettel guadagnano sei decimi nei confronti di Verstappen, il quale ora ha 4.3 di vantaggio nei confronti del finlandese.

56/71: guai anche per Hartley, il quale procede lentamente andando quindi a parcheggiare immediatamente a bordo pista.

54/71: problemi per Ricciardo! L’australiano è costretto a parcheggiare la propria Red Bull a bordo pista, lasciando via libera a Hamilton in quarta posizione.

52/71: Hamilton rientra per la seconda sosta e monta la Supersoft per tentare di andare all’attacco di Ricciardo.

47/71: Ricciardo sigla il giro più veloce ma si trova a 19.2 da Hamilton in quinta posizione, precedendo Grosjean, Ocon, Magnussen, Perez e Gasly.

45/71: Hamilton tenta di riportarsi sotto a Vettel ma continua a lamentarsi via radio: “Non ho nessuna possibilità di passarlo”.

41/71: Hamilton appare in netta difficoltà con il blistering accentuato sulla posteriore sinistra e non riesce a tenere il passo di Vettel, ora lanciato all’inseguimento di Kimi Raikkonen.

39/71: Vettel va all’attaco di Hamilton e lo passa nel rettifilo che conduce alla seconda staccata!

38/71: Raikkonen si prende la seconda posizione approfittando delle difficoltà di Ricciardo che rientra subito ai box per montare le Supersoft!

37/71: Vettel si riporta sotto nei confronti di Hamilton, mentre Raikkonen è sempre più aggressivo alle spalle di Ricciardo. Davanti Verstappen mantiene un margine di 6.2 nei confronti dell’australiano.

34/71: Ricciardo accusa evidenti problemi di blistering, come evidenziato anche dal team radio di Raikkonen che lo segue a breve distanza.

31/71: fase di gara molto interessante, con le due Red Bull che non sembrano avere un grande ritmo e Raikkonen che si è riportato in scia a Ricciardo.

29/71: a suon di giri veloci hamilton si porta in zona DRS nei confronti di Raikkonen, puntando alla terza piazza del ferrarista.

27/71: la situazione di classifica vede quindi Verstappen al comando davanti a Ricciardo, quindi a seguire Raikkonen, Hamilton e Vettel.

25/71: rientra Hamilton che monta la Soft. L’inglese rientra tra le due Ferrari, nonostante il giro più veloce siglato da Vettel.

22/71: Vettel su Soft gira su buoni tempi. Attualmente paga un ritardo di 22″ da Hamilton e potrebbe ritrovarsi davanti all’inglese in caso di sosta di quest’ultimo.

19/71: Ricciardo approfitta di un errore di Raiikonen per scavalcare il finlandese nel rettilineo tra le curve 3 e 4, portandosi in terza posizione.

17/71: Hamilton, Magnussen, Perez, Sirotkin, Ericsson e Hartley sono stati gli unici a non approfittare della finestra concessa dalla VSC per effettuare il pit stop

16/71: Hamilton si ritrova con soli 13″ di vantaggio sul primo degli inseguitori (Verstappen), il che significa che sarà costretto a costruirsi un gap in pista per evitare di trovarsi alle spalle degli avversari dopo il pit.

15/71: le due Red Bull e Ferrari approfittano della VSC per effettuare la sosta ai box. Hamilton prosegue.

14/71: si ferma Bottas! Il poleman della gara costretto al ritiro per un guaio tecnico. VSC attivata.

13/71: squillo di Raikkonen che sigla il giro più veloce in 1:08.9

12/71: esplosione del motore in pieno rettifilo per Nico Hulkenberg, il quale è costretto ad abbandonare repentinamente la propria vettura in fondo alla via di fuga di curva 1.

9/71: Hamilton è l’unico a girare sotto il muro dell’1:09, guadagnando altri due decimi su Bottas e portando il suo vantaggio sul compagno a 2.2. Verstappen si trova a 4″ dalla vetta, mentre Ricciardo rimane in scia a Raikkonen.

5/71: Ricciardo tenta di insidiare la quarta posizione di Raikkonen, autore di un eccellente scatto al via ma poi finito oltre il cordolo nelle prime due staccate.

3/71: Hamilton prende il largo nei confronti di Bottas, quindi a seguire Verstappen, Raikkonen, Ricciardo e Vettel che è riuscito a liberarsi delle due Haas.

1/71: Hamilton transita al comando davanti a Bottas, capace di scavalcare Verstappen e Raikkonen nel corso di un caotico primo giro. Vettel alle prese con le due Haas.

Partiti! Ottimo spunto di Raikkonen che tenta di infilarsi tra le due Mercedes, mentre Hamilton si porta al comando. Male Vettel che perde alcune posizioni.

Giro di formazione in corso di svolgimento: tra pochi istanti il via!

71 giri in programma per questa nona prova del Mondiale 2018: nessun rischio di pioggia per cui la gara si disputerà senza incognite dal punto di vista meteo.

Ricordiamo le scelte strategiche per quanto riguarda gli pneumatici, con le due Ferrari che scatteranno con gomme Ultrasoft mentre Mercedes e Red Bull disputeranno la prima parte di gara con Supersoft. Il Cavallino potrà dunque contare su un leggero vantaggio nella fase di partenza, con Vettel chiamato a rimontare dalla sesta piazza dopo la penalità inflittagli ieri al termine delle qualifiche.

Fernando Alonso scatterà dalla pit-lane: per il pilota spagnolo terza MGU-K montata sulla sua McLaren.

Temperature in deciso aumento rispetto ai giorni scorsi: 23° nell’aria ma soprattutto 48° sull’asfalto, i quali potrebbero incidere sul rendimento delle gomme. 

Da Spielberg (Austria) – Marco Privitera 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.