Petecof Gianluca; F3 Tatuus 318 AR #10; Prema Powerteam

Gianluca Petecof, pilota brasiliano di FDA, conquista la prima vittoria in gara-3 a Misano, primo appuntamento del campionato continentale di F. Regional. Un successo senza sbavature per il pilota sud americano, che è bravo a respingere gli attacchi di Arthur Leclerc, giunto secondo al traguardo, davanti a Oliver Rasmussen, vincitore di gara-1.

Una podio nel segno di Prema, che domina completamente la scena di Misano, non sono in questo podio, ma in tutto il weekend con il successi in gara-1 e gara-2 di Rasmussen e Leclerc. Tornando alla corsa di oggi, tra i maggiori eventi della gara, sicuramente c’è anche il contatto che coinvolge Konsta Lappalainen ed Emidio Pesce, con un escursione fuori pista del nostro portacolori, che una volta rientrato centra il collega. I due si ritirano.

Cronaca. Leclerc scatta dalla pole position, con Petecof al suo fianco.  I due sono affiancati al pronti-via, ma è il brasiliano ad avere la meglio per un istante sul monegasco, quando quest’ultimo affianca ancora il compagno di squadra, ma rimane dietro.

Rasmussen tenta di attaccare poi il fratello minore del pilota Ferrari Charles, invano. La gara prosegue senza intoppi, fino all’incidente che fa uscire di scena Lappalainen ed il nostro Emidio Pesce: l’italiano mette le ruote nella sabbia ed al rientro tocca l’avversario. Le bandiere gialle vengono esposte. I due sono così costretti al ritiro.

Leclerc fa segnare il giro veloce e poco dopo si trova negli scarichi del leader, che però non riesce a superare. Intanto Juri Vips è incollato a Rasmussen. Nel finale di gara Leclerc mette le ruote fuori pista, ma prosegue senza problemi. Il pilota numero 14 viene messo sotto investigazione per non aver rispettato le bandiere gialle, ma non verrà inflitta nessuna sanzione. Ed ecco che arriva la prima vittoria di Petecof, davanti ai compagni Leclerc e Rasmussen.

Appuntamento al Paul Ricard dal 21 al 23 agosto.

Formula Regional | Misano: Rasmussen e Leclerc brillano il sabato

Giulia Scalerandi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.