davide-amaduzzi-euro-nascar-pro-vallelunga
Credits: Davide Amaduzzi

Davide Amaduzzi annuncia il proprio ritorno nella NASCAR Whelen Euro Series con i colori del team CAAL Racing, a otto anni dalla sua ultima apparizione nella serie. Il bolognese sarà al via del round finale del 2021, il Nascar GP Italy, sull’asfalto di Vallelunga nel fine settimana del 29-31 ottobre.

UN RITORNO IN GRANDE STILE DOPO 8 ANNI, TRA RECORD ED ESPERIENZE VARIEGATE

Il suo debutto nel campionato risale alla tappa sull’ovale di Tours, in Francia, dove ha chiuso al terzo posto ed è diventato il primo italiano nella storia NASCAR a ottenere un podio ufficiale, per giunta con T Engineering, un team tutto italiano.

Da quel momento, però, la carriera di Amaduzzi si è spostata su altri lidi, tra Formula 3, campionati GT e prototipi. Oltre al secondo posto nel Trofeo Italia 2014 e il titolo nell’Endurance Champions Cup nel 2015 su Wolf GB08, Amaduzzi è approdato oltreoceano sugli ovali della NASCAR Whelen All American Truck Series. Tra i risultati ottenuti spicca il trionfo a Tucson nel 2018, impresa che lo ha reso il primo vincitore italiano in una gara NASCAR su un ovale americano in epoca moderna.

AMADUZZI: “SARÒ IO A DOVERMI ADATTARE ALLA MACCHINA, NON LEI A ME”

Ora, dopo i recenti trascorsi sui prototipi in Italia, Amaduzzi è pronto ad accettare la sfida nella EuroNASCAR Pro con grande entusiasmo e voglia di misurarsi con i top driver della serie.

“Sono contentissimo dell’opportunità che Luca e Corrado Canneori di CAAL Racing mi hanno offerto,” ha commentato Amaduzzi.

Da anni cercavamo di correre insieme, ma c’era sempre qualcosa che impediva la realizzazione del progetto. Questa volta, un po’ all’ultimo, si è finalmente presentata questa occasione che non potevo rifiutare in alcun modo. Sarà dura, trovandomi a fronteggiare nella NASCAR Pro i top driver della serie, super esperti e allenati su questo tipo di vettura, ma non importa. Sono davvero emozionato all’idea di tornare dopo così tanto tempo nella NASCAR Whelen Euroseries con un top team come CAAL Racing e con una vettura sicuramente di alto livello. Sarò io a dovermi adattare a lei, e non lei a me”

“Non mi voglio fare alcun tipo di aspettativa, voglio godermela fino in fondo, ma sicuramente darò il massimo per imparare più rapidamente possibile tutto ciò che potrò ed ottenere il massimo risultato possibile. È bellissimo tornare a fare parte di un parterre di piloti di così alto livello, sarà entusiasmante poter competere con loro ed è una grande soddisfazione già da ora. Non finirò mai di ringraziare la famiglia Canneori e tutto il team CAAL. Non vedo l’ora di tornare in pista per le prove libere di venerdì”.

Beatrice Zamuner

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.