United Autosport si conferma al top nella 4h di Spa-Francorchamps, secondo round della European Le Mans Series 2020. La squadra diretta da Zak Brown ha colto il secondo successo stagionale con la vettura #22 di Hanson/Albuquerque, terzi nell’opening round dello scorso luglio.

La prova è stata serrata per il successo. Le emozioni non sono mancate con una bellissima lotta al vertice tra l’Oreca #22 di United e l’Aurus 01 di G-Drive affidata a Rusinov/Jensen #26. Questi ultimi, in pista con una strategia migliore rispetto ai rivali Hanson/Albuquerque, sono saliti al comando delle operazioni nella seconda metà della corsa prima di vanificare tutto nel corso dell’ultima ora della manifestazione.

A poco più di un ora dalla fine, la pioggia è arrivata nelle Ardenne. Jensen, passato al comando a pochi minuti prima, ha perso il controllo della propria vettura a Puhuon dopo aver toccato con le quattro route il cordolo bagnato. Un errore imperdonabile per il danese, che è finito contro le barriere di protezione. United non ha più avuto rivali da quel momento in poi ed ha potuto completare la 4h in tranquillità.

La guerra si è aperta per il secondo posto tra Graff #39, Panis Racing #31 e Duqueine Team #30. La sfida tra le tre Oreca ha premiato la vettura #39 di Cougnaud/Allen/Laurent, secondi davanti alla LMP2 #31 di Jamin/Stevens/Canal. Un testacoda al curvone di Blanchimont ha costretto il Duqueine Team di accontentarsi del quarto posto finale in un evento che ha visto in crisi i campioni di IDEC Sport. Il trio dell’auto #28, formato da Lafargue/Chatin/Bradley non ha fatto meglio dell’ottavo posto, un risultato deludente per i vincitori dell’edizione 2019 della serie che, nel primo round del 2020, non hanno concluso la corsa.

United si conferma anche in LMP3

Si conferma al top in LMP3, come in P2 del resto, il Team United Autosport. Seconda vittoria stagionale nella ‘serie minore’ dei prototipi per Boyd/Wheldon/Gamble #2. Il terzetto che ha dominato la gara di Le Castellet ha confermato la propria superiorità nelle Ardenne di Spa-Francorchamps dove ha completato la 4h con un gap di 55 secondi sulla concorrenza.

Wells/Noble #7 (Nielsen Racing) salgono sul secondo gradino del podio davanti al team Eurointernational con Erdos/Kari/Laskaratos #11. Ritiro per la coppia Hippe/Moore. I vice campioni del 2019, in scena con una Ligier del Inter Europol, hanno alzato bandiera bianca dopo solo 14 minuti dopo essere finiti contro il muro di curva 11.

4h di Spa-Francorchamps, Ferrari ed Aston a podio in GTE

Ferrari ed Aston Martin siglano il podio nel secondo round della European Le Mans Series 2020. La Rossa #74 di Broniszewski/Perel/Gomes ha siglato la prima affermazione del 2020 grazie ad un problema tecnico accusato dalla Porsche #77 di Picariello/Beretta/Ried. L’auto del Proton Competition è stata senza dubbio la vettura più competitiva della giornata. Una foratura ha vanificato 3h perfette per i vincitori della prima competizione del Paul Ricard.

AF Corse porta a termine il podio con Perrodo/Collard/Newey davanti all’Aston Martin #98 di Dalla Lana/Lauda/Farfus. Primo podio per il marchio inglese che, lo ricordiamo, ha preso parte alle prime due competizioni del 2020 come ‘allenamento’ al WEC che riprenderà settimana prossima proprio da Spa.

Dopo Spa-Francorchamps, la prossima competizione dell’ELMS a fine agosto a Le Castellet. La serie continentale rinuncia al round di Barcellona per via dell’emergenza sanitaria.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.