Dopo il dominio pressoché incontrastato messo in atto lo scorso anno da Harrison Scott, l'Euroformula Open sembra aver trovato quest'anno un nuovo, grande protagonista. Si tratta di felipe Drugovich, anch'egli portacolori del team italiano RP Motorsport, il quale ha iniziato il secondo week-end stagionale sbaragliando la concorrenza. Dapprima una stratosferica pole position realizzata con quasi un secondo di margine sui rivali, quindi il dominio in gara-1, quando ha regolato senza troppe difficoltà Bent Viscaal e Matheus Iorio. Ottima prestazione anche per il nostro Aldo Festante, quinto assoluto e sul podio della classifica riservata ai rookie.

 

Non c’è stata praticamente storia sul circuito di Le Castellet in questa prima parte di week-end, con un solo tema dominante: Felipe Drugovich in fuga, tutti gli altri ad inseguire. Il giovane brasiliano è riuscito a completare una giornata perfetta, centrando in mattinata una strabiliante pole che lo ha visto precedere di ben 923 millesimi il primo dei rivali, l’olandese Bent Viscaal che aveva impressionato nei test invernali. In gara poi il copione si è ripetuto, con il portacolori del team Teo Martin capace di portarsi in testa soltanto nelle prime due curve, prima di dover cedere il passo allo strapotere del rivale. Dietro la bagarre non è mancata, con un contatto nelle prime fasi tra Samaia e Benyahia che ha eliminato il marocchino, e Karkosik impegnato in un’affannosa rimonta dopo il testacoda che lo aveva visto protagonista nelle qualifiche. Grazie a questo successo, Drugovich consolida la propria leadership in classifica, salendo a quota 70 punti, con ben 27 lunghezze di vantaggio sullo stesso Viscaal.

La cronaca. Al via Drugovich si lascia sorprendere da Viscaal, mentre Samaia riesce a scavalcare Iorio e a portarsi in terza piazza. Passano soltanto due curve ed il polema si riprende la leadership con un deciso attacco nei confronti del pilota del team Teo Martin, mentre dietro impazza la bagarre con Dunner che finisce lungo ed il trio RP Motorsport formato da Samaia, Benyahia e Festante in lotta con Iorio. Poco prima della fine del primo giro, Benyahia sembra poter approfittare della battaglia per la seconda piazza tra Samaia e Iorio, ma entra in contatto proprio con il compagno di squadra finendo per rompere una sospensione ed essendo costretto al ritiro. Drugovich transita alla fine del primo giro con 3″ di vantaggio su Viscaal, Iorio, Samaia e Festante, mentre si registra un bel duello a centro gruppo tra Guzman, Fittje e Karkosik, quest’ultimo partito dal fondo dopo l’errore commesso in qualifica. Drugovich incrementa il proprio margine sugli inseguitori, mentre Viscaal e Iorio sembrano riuscire a tenere a bada il duo RP alle loro spalle. Dopo aver avuto la meglio nei confronti di Siebert, Karkosik (passato da questa gara al team Campos) riesce a scavalcare anche Hahn portandosi all’inseguimento di Das per la sesta piazza. A metà gara Drugovich fa registrare l’ennesimo giro record, portando a 6″5 il margine di vantaggio nei confronti di Viscaal. Mentre le posizioni di testa appaiono piuttosto delineate, non altrettanto può dirsi per quanto riguarda la lotta per l’ottava piazza, con Hahn chiamato a tenere a bada un gruppetto formato da sei vetture. A cinque tornate dalla conclusione Siebert riesce a scavalcare il portacolori del team Drivex School, mentre poco dopo Dunner sperona Baltas eliminandolo dalla gara. 

Euroformula Open – Classifica Gara 1:

1. Felipe Drugovich – RP Motorsport 
2. Bent Viscaal – Teo Martin – 10″067
3. Matheus Iorio – Carlin – 15″965
4. Guilherme Samaia – RP Motorsport – 19″050
5. Aldo Festante – RP Motorsport – 19″998
6. Cameron Das – Carlin – 20″411
7. Alex Karkosik – Campos – 23″368
8. Marcos Siebert – Campos – 30″824
9. Jannes Fittje – Drivex – 34″078
10. Christian Hahn – Drivex – 34″885
11. Raul Guzman – Fortec – 36″578

Da Le Castellet (Francia) – Marco Privitera

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.