La stagione 2015 del DTM ormai volge quasi al termine, ed in occasione del terz’ultimo appuntamento stagionale il campionato turismo tedesco è sbarcato al Nürburgring, dove a dominare il weekend non è stata una sola Casa: sul tracciato dell’Eifel si è infatti assistito prima al trionfo di Maxime Martin in Gara-1 al volante della BMW, quindi del pilota Audi, Miguel Molina, al termine della corsa domenicale. Nonostante ciò, a sorridere più di chiunque altro è forse la Mercedes, che con Pascal Wehrlein ha colto un terzo e quinto posto che consentono al giovane terzo pilota del team di Formula 1 di consolidare la sua leadership in classifica generale, anche approfittando del doppio passo falso di Mattias Ekstrom. Al secondo posto nella generale è così salito Edoardo Mortara, il quale ha conquistato un ottimo secondo posto in gara-1 prima di essere spedito fuori da Timo Glock nella seconda prova.

Gara 1. La BMW è apparsa subito in grande spolvero dopo i due successi di Oschersleben. Nonostante la pole position fatta segnare da Lucas Auer, infatti, già alla prima curva Maxime Martin si è portato davanti a tutti difendendo la posizione a suon di contatti con Pascal Wehrlein, che ha anche accusato dei danni. Dopo la bagarre iniziale, la gara è stata sospesa per qualche minuto in seguito allo scontro avvenuto tra Miguel Molina e Jamie Green. Una volta ripresa la corsa, alle spalle del leader si sono portati Bruno Spengler ed Edoardo Mortara, con il canadese che poi ha dovuto subire gli attacchi del pilota italiano, oltre che quello di Wehrlein, il quale ha danneggiato la sua vettura. Dunque il podio ha visto festeggiare nell’ordine Martin, Mortara e Wehrlein, quest’ultimo a capo di un trenino Mercedes di quattro vetture, formato anche da Gary Paffett, quarto, Maximilian Götz, quinto, e Lucas Auer, in sesta posizione. Soltanto settimo il campione in carica Marco Wittmann, seguito da Robert Wickens, classificatosi a sua volta davanti ad António Félix Da Costa ed a Mattias Ekstrom, che ha chiuso la top ten.

Gara 2. Nella domenica del Nürburgring l’Audi è tornata grande grazie a Miguel Molina, autore prima della pole position e poi della sua prima vittoria personale nella categoria. Lo spagnolo ha preso subito il largo dal via, quando Jamie Green è rimasto piantato in griglia e si è anche verificato un incidente alla prima curva, che ha visto protagonisti Robert Wickens e Timo Scheider, con quest’ultimo colpito dal pilota Mercedes. L’evento ha causato l’ingresso della safety car in pista oltre che il ritiro dei due piloti. La corsa è poi proseguita con il vincitore che ha costruito un buon gap sugli avversari, primo fra tutti Paul di Resta, secondo al traguardo con oltre 7 secondi di ritardo. Sul podio anche Bruno Spengler, su BMW, seguito dal compagno Tom Blomqvist. Quinto Pascal Wehrlein, che con una bella rimonta è risalito in classifica e vede il titolo sempre più vicino. Sesto Maximilian Gotz, seguito dal campione 2013 Mike Rockenfeller e Augusto Farfus. A chiudere la zona punti Martin Tomczyk e Daniel Juncadella.

Classifica piloti: 1.Wehrlein 165; 2.Mortara 128; 3.Ekstrom 127; 4.Spengler 119 5.Green 107; 6.Wittmann 107; 7.Paffett 98; 8.Farfus 77; 9.Da Costa 73; 10.Rockenfeller 73.

Carlo Luciani

Carlo Luciani, nato a Salerno l’8 luglio 1996. Vivo a Teora, in Irpinia, terra non propriamente nota per i motori. Nonostante ciò, fin da piccolo sono rimasto profondamente affascinato dal mondo del Motorsport, al quale mi sono avvicinato vedendo vincere Michael Schumacher sulla Ferrari. Alla passione per i motori ho unito quella per la scrittura, e ad oggi sono Giornalista pubblicista e laureando in Ingegneria meccanica presso l’Università Federico II di Napoli. Nel 2020, insieme al collega e amico Michele Montesano, ho pubblicato il primo libro marchiato LiveGP.it “Veloci più del tempo: i protagonisti italiani del Motorsport dagli albori agli anni ‘70”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.