Fonte: Twitter.com

Dopo il giorno di riposo, la Dakar 2022 riparte con il ritiro di Daniel Sanders, caduto durante il trasferimento. Va a Josè Ignacio Cornejo Florimo la stage 7. L’alfiere Monster Energy Honda comanda la settima tappa davanti a Kevin Benavides per soli 44” in una speciale di oltre 400km. Terzo posto per Joan Barreda Bort che si riavvicina in classifica generale. Lontanissimo l’ex leader della assoluta Sam Sunderland, che incassa 25’ perdendo il comando in favore di Adrien Van Beveren.

GARA RIAPERTA DOPO LA SOSTA, SANDERS E BRANCH OUT

La gara riparte da Riyadh dopo la giornata di riposo con il primo colpo di scenda di questa Dakar. Daniel Sanders è stato vittima di un incidente durante il trasferimento verso la partenza. L’australiano, oltre a vedere la sua GasGas distrutta, si è fratturato il polso ed è stato trasferito in ospedale. La Dakar 2022 perde così uno dei suoi protagonisti: il ritiro di Sanders si unisce a quello di Ross Branch, caduto nella stage 6 dopo solo tre chilometri. Continua invece la gara di Joan Barreda, a rischio ritiro dopo una botta alla spalla, ma lo spagnolo tiene duro e continua la sua Dakar.

La stage 7, che prevedeva una impegnativa speciale di 402km da Riyadh ad Al Dawadimi, se la aggiudica Josè Ignacio Cornejo Florimo. Il pilota Monster Energy Honda completa la speciale in 3:28’46”, prendendosi la vittoria di tappa davanti a Kevin Benavides. Il campione 2021 ha preso solo 44” di ritardo dal cileno ma, grazie al forte ritardo di Sunderland, è tornato in corsa per la vittoria finale. Completa il podio Joan Barreda Bort a 2’51” dal compagno di squadra.

SI RIVEDE LUCIANO BENAVIDES, PRICE GETTA LA VITTORIA DI STAGE

Quarta piazza per Luciano Benavides con la Husqvarna ufficiale, finalmente nelle prime posizioni dopo una prima settimana complicata. L’argentino nella prima settimana di gara ha incassato quasi un’ora di ritardo: in questa seconda parte di gara cercherà almeno il successo di tappa. Quinto Lorenzo Santolino con la Sherko, che precede Joaquim Rodrigues. Il vincitore dello stage 3 con la Hero si riporta nelle posizioni che contano, in sedicesima posizione generale.

Settimo Ricky Brabec con la Honda a quasi 10’ dal compagno di squadra; ottavo Andrew Short sulla Yamaha ufficiale che precede Toby Price ed Adrien Van Beveren ora leader della generale. L’australiano della KTM al pk77 si trovava al comando della tappa, prima di commettere un errore e scivolare fino alla nona posizione ad oltre 10’ da Cornejo. La vittoria di questa stage gli avrebbe permesso di tornare sotto i 20’ di ritardo da Adrien Van Beveren nella assoluta: il francese grazie al forfait di Sanders ed alla giornata no di Sam Sunderland è ora leader della classifica generale.

ATTARDATI MATTHIAS WALKNER E SAM SUNDERLAND

Il campione in carica del mondiale Rally Matthias Walkner è inciampato in una tappa storta, chiudendo solo in ventiquattresima posizione a 22’50” dal vincitore di tappa. Lontano anche Sam Sunderland: l’inglese della GasGas chiude addirittura in ventottesima posizione a 25’55”. I due si erano presentati alla partenza della speciale come primo e secondo, con Sanders terzo. Una Dakar che sembrava in discesa per lo squadrone austriaco ma che, con il ritiro di Sanders e questa giornata “no” del primo e secondo in classifica, si riapre completamente. Ora i due si trovano a 5’ da Adrien Van Beveren sulla Yamaha e nuovo leader.

Giornata complicata anche per Danilo Petrucci che scattava per quarantesimo dopo la stage 6 che lo aveva visto come apripista. Il ternano chiude a 12’44” da Josè Ignacio Cornejo in trentanovesima posizione.

CLASSIFICA DELLO STAGE 7
Fonte: dakar.com
CLASSIFICA GENERALE
Fonte: dakar.com

Mathias Cantarini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.