La drammatica settimana delle due ruote sembra non voler conoscere la parola fine. Dopo quanto accaduto a Nicky Hayden, ancora in lotta per la vita dopo essere stato investito da un'auto mentre si trovava in bici nei pressi di Rimini, il circuito di Misano è stato teatro di un grave incidente che ha visto come protagonista il 21enne romano Simone Mazzola, caduto rovinosamente nel corso delle prove libere del Campionato Italiano Velocità nella categoria Supersport 300.

Tutto è accaduto nel primo pomeriggio di ieri, quando il leader del campionato è scivolato all’altezza della curva 13, riportando un grave trauma al rachide. Immediatamente soccorso, Mazzola è stato trasportato in elicottero all’ospedale Bufalini di Cesena (per la cronaca, lo stesso dove è ricoverato Hayden), dove i medici sono intervenuti per una delicata operazione chirurgica. Una volta stabilizzato, il giovane pilota è stato poi trasferito nel reparto di Rianimazione, dove si trova attualmente ricoverato in prognosi riservata.

Purtroppo, a 24 ore dall’incidente, il quadro clinico del rider romano si presenta in tutta la sua serietà, così come emerso dal bollettino medico diramato nel primo pomeriggio di oggi, il quale recita testualmente: “Le condizioni cliniche di Simone Mazzola sono gravi ma stabili. E’ ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Bufalini di Cesena. Al suo arrivo (ieri, venerdì 19 maggio) è stato immediatamente sottoposto a un delicato intervento neurochirurgico di stabilizzazione, per il grave trauma vertebro midollare subito. Il giovane ha riportato evidenti danni neurologici dei quali non è possibile al momento stabilire le conseguenze. La prognosi è riservata”.

Mazzola, raggiunto in ospedale dai genitori, non si trova in pericolo di vita, ma al momento sarebbe ancora impossibile valutare la presenza di eventuali danni permanenti derivanti dalla frattura cervicale. L’auspicio è che tutto possa risolversi naturalmente nel migliore dei modi per il giovane pilota, in quello che sembra essere un periodo davvero stregato per il mondo del motociclismo.

Marco Privitera

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.