Una nuova, emozionante sfida attende Michela Cerruti per la seconda parte della stagione 2013. La ventiseienne pilota (romana di nascita, ma milanese d’adozione) farà il proprio esordio nel campionato AutoGp a partire dalla prova in programma il prossimo 18 agosto sul tracciato tedesco del Nürburgring. La Cerruti, attualmente impegnata nel campionato europeo di F.3, oltre che nel Blancpain Series e nel GT italiano, sarà al volante di una vettura del team MLR71, già provata nel corso dei precedenti test sul circuito di Vallelunga. Michela, giovane talento scoperto da Mario Ferraris durante un corso di guida sicura, sarà l’unica donna presente nella serie organizzata da Enzo Coloni: “Sono contenta di aver raggiunto l’accordo con l’Auto GP ed il team MLR71 per disputare il finale di stagione del 2013. Ho guidato questa macchina in occasione dei test di Vallelunga ed è stata una bellissima sensazione. Avere 550 cavalli che ti spingono dietro la schiena è un’esperienza davvero impressionate, e per me si tratterà della più potente monoposto che abbia mai guidato. Il salto dalla vecchia GP3 e dalla Formula 3 sarà notevole, ma sono sicura di potermi adattare in tempo utile per competere al massimo delle mie potenzialità”. Proprio la stessa Cerruti, in un simpatico botta e risposta su Twitter con LiveF1.it, aveva confermato solo qualche settimana fa le proprie sensazioni a proposito delle numerose vetture da lei provate recentemente: “Tra le nuove vetture mi ha impressionato positivamente l’Auto Gp, ma tra le conosciute scelgo la mia adorata ed insostituibile Bmw Z4 GT3; la Megane – ha proseguito Michela – è divertentissima e molto più performante di quanto sembri, mentre la Formula 3 è quella più difficile e che richiede più tecnica, ma ha una velocità di percorrenza che supera tutte le vetture che ho guidato finora”. Insomma, un grosso in bocca al lupo per la nostra portacolori alle prese con questa nuova avventura!

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.