zanardi
Incoraggianti miglioramenti per Zanardi

A distanza di sei mesi dal terribile incidente in handbike, Alex Zanardi continua a lottare. Ricoverato nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Padova, il campione bolognese compie significativi passi in avanti nel suo lungo e faticoso percorso di riabilitazione.

ZANARDI VEDE E SENTE

Come riportato da Carlo Verdelli sul Corriere della Sera e approfondito su 7, settimanale del quotidiano milanese, Alex Zanardi sta compiendo piccoli ma importanti progressi dopo l’incidente in handbike.

In particolare si legge: “Vedere, vede. Sentire, sente. Parlare ancora no perché gli tengono per precauzione il buco nella trachea ma presto potrebbero chiudergli anche quello, come già hanno fatto con la scatola cranica dopo averla riparata frammento per frammento. E il cervello che ci sta dentro, tornato al sicuro, ha ricominciato a tessere i collegamenti, a recuperare una per una le meravigliose funzioni di cui è capace. Insomma, Alessandro Zanardi è vivo, e lotta come solo lui. Quanto alla faccia, la sua bella faccia appuntita con gli occhi blu, è tornata come prima, più di prima”.

Questi dunque gli ultimi aggiornamenti sulle condizioni di Alex Zanardi. Dopo sei mesi di operazioni ed una riabilitazione ancora lunga, si iniziano a vedere segnali incoraggianti. Gli è stata praticata una tracheotomia e per questo ancora non può parlare, ma si spera che questo possa essere il prossimo significativo passo in avanti.

Nel frattempo Zanardi è vigile e comunica come può, come riporta lo stesso Verdelli:

“Stringe la mano su richiesta.
Se gli chiedono di fare ok, alza il pollice.
Dov’è Daniela? E lui gira appena il capo verso di lei”.

La scalata verso la vetta è ancora molto lunga, ma Alex continua a sorprenderci, come ha sempre fatto, come prima, più di prima.

Leggi anche: ALEX ZANARDI TRASFERITO A PADOVA: “QUADRO CLINICO STABILE”

Carlo Luciani

Carlo Luciani, nato a Salerno l’8 luglio 1996. Vivo a Teora, in Irpinia, terra non propriamente nota per i motori. Nonostante ciò, fin da piccolo sono rimasto profondamente affascinato dal mondo del Motorsport, al quale mi sono avvicinato vedendo vincere Michael Schumacher sulla Ferrari. Alla passione per i motori ho unito quella per la scrittura, e ad oggi sono Giornalista pubblicista e laureando in Ingegneria meccanica presso l’Università Federico II di Napoli. Nel 2020, insieme al collega e amico Michele Montesano, ho pubblicato il primo libro marchiato LiveGP.it “Veloci più del tempo: i protagonisti italiani del Motorsport dagli albori agli anni ‘70”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.