Paul Ricard
Foto. GT Open

Tanta azione tra i Paul Ricard ed il resto del mondo nella 16ma puntata di ‘A ruota libera’, il consueto appuntamento dedicato alle ruote coperte. La Francia ha accolto il secondo round dell’International GT Open e la seconda prova del TCR Europe in un fine settimana che ha visto anche il ritorno del Fanatec GT World Challenge Asia Powered by AWS.

La categoria asiatica di SRO ha corso a Sepang (Malesia) in contemporanea con il GTWC America (NOLA) ed all’ADAC GT Masters, protagonista a Spielberg per il secondo impegno del 2022 in compagnia della Porsche Carrera Cup Deutschland. La NASCAR Xfinity e Truck Series hanno dato spettacolo in quel del Texas, mentre non possiamo non dimenticarci del Supercars Championship in quel di Winton. 

GT Open, McLaren conquista il Paul Ricard

week-end sensazionale per McLaren nell’International GT Open. Optimum Motorsport sigla entrambe le competizioni del Paul Ricard con Nick Moss /Joe Osborne, abili a rispondere in classifica generale alle due Lamborghini di Oregon.

Race-1: la prima di McLaren

Nick Moss /Joe Osborne (Optimum Motorsport #72) hanno iniziato nel migliore dei modi il fine settimana del Paul Ricard imponendosi nella race-1 del Paul Ricard. Seconda piazza per Marcin Jedlinski /Karol Basz (Olimp Racing #777/Audi) davanti a Murat Ruhi Cuhadaroglu /David Fumanelli (Kessel Racing #133/Ferrari).

La competizione si è decisa ai pit stop, Osborne ha fatto la differenza infilando dopo pochi minuti di stint la Lamborghini di vetta del Team Oregon. Kevin Gilardoni #19 si è inchinato all’auto britannica, un sorpasso che precederà quello di Basz e l’attacco di Fumanelli, protagonisti di una bellissima lotta per il secondo posto, il primo tra i PRO-Am.

Race-2: Optimum Motorsport concede il bis

Il fine settimana da incorniciare per la squadra inglese si è aperto con la pole-position di Osborne, abile a trasformare il giro migliore in Q2 in una vittoria. Come da copione la vettura di Woking ha allungato sul gruppo nello stint iniziale, Moss ha completato l’opera chiudendo con margine sulla concorrenza che si è dovuta accontentare della bagare per il resto del podio.

Seconda posizione per  Glenn Van Berlo/Kevin Gilardoni (Oregon Racing), terza per la Mercedes #18 di Adam Christodoulou /Reema Juffali (Theeba Motorsport). Questi ultimi hanno primeggiato anche nella selettiva PRO-Am, la classe più ricca dell’intero schieramento.

Prossimo appuntamento a Spa-Francorchamps a metà giugno.

TCR Europe, Paul Ricard: Audi monopolizza la scena con Coronel e Viktor Davidovski

Audi monopolizza la scena al Paul Ricard, sede del secondo atto del TCR Europe 2022. La compagine belga trionfa nella race-1 con il veterano Tom Coronel, mentre nella seconda competizione scrive la storia con Viktor Davidovski.

Race-1. Coronel padrone della scena

Dalla pole-position al successo per Tom Coronel nel TCR Europe. Il veterano olandese non ha avuto molti problemi a conquistare la terza sfida del 2022 precedendo all’arrivo il teammate Franco Girolami.

I due portacolori di Comtoyou Racing hanno monopolizzato le prime due posizioni della classifica finale. Terza piazza per la Hyundai Elantra di Felice Jelmini (Target Competition) davanti a John Filippi con la prima delle Cupra di Sébastien Loeb. 

Race-2: Viktor Davidovski mette tutti in riga

Il macedone Viktor Davidovski, protagonista della speciale classifica riservata ai piloti ‘Diamond’, ha vinto per la prima volta in carriera approfittando alla perfezione dell’inversione della griglia di partenza.

Seconda piazza conclusiva per Klim Gavrilov (Volcano Motorsport /Cupra) davanti all’Honda dell’iberico Pepe Oriola. Il portacolori di Brutal Fish Racing è stato abile a tenere a bada nel finale l’argentino Franco Girolami, diretto rivale per il campionato.

Prossima sfida in Belgio a Spa-Francorchamps a metà giugno.

GTWC Asia, Sepang: si torna a gareggiare da Sepang

Dopo una lunghissima pausa dovuta all’emergenza sanitaria è tornato in pista questo fine settimana il Fanatec GT World Challenge Asia Powered by AWS. La categoria europea di SRO ha regalato emozioni incoronando Mercedes e Porsche.

Race-1: Mercedes inizia l’anno alla grande

H.H. Prince Abu Bakar Ibrahim/ Jazeman Jaafar ( Triple Eight JMR #99) hanno vinto in scioltezza la race-1 del GTWC Asia in Malesia. Gara perfetta per la coppia della compagine australiana, compagine legata a Mercedes.

Porsche ha completato il podio con EBM Giga Racing. Adrian D’Silva/Earl Bamber #11 e Setiawan Santoso/Reid Harker #8 hanno concluso in seconda ed in terza piazza una gara che di fatto si è decisa al pit stop, avvenuto nel cuore dell’evento.

Race-2: Bamber regna in Malesia

Earl Bamber ha dominato la scena in Malesia dopo una splendida pole-position in occasione della race-2. Il vincitore della recente Sebring 12h, autore della pole-position, ha monopolizzato la scena imponendosi con D’Silva.

Il padrone dell’omonima squadra ha concluso davanti all’AMG GT3 di H.H. Prince Abu Bakar Ibrahim/ Jazeman Jaafar (Triple Eight JMR #888) e la Porsche #8 di Setiawan Santoso/Reid Harker, la seconda auto dell’EBM.

Prossima gara nel cuore dell’estate in Giappone.

GTWC America, NOLA: Lamborghini regna anche al NOLA

Lamborghini ha dominato come da pronostico la scena al NOLA, seconda competizione del Fanatec GT World Challenge America Powered by AWS. Andrea Caldarelli estende il primato nella graduatoria overall, per la prima volta a segno con Michele Beretta. 

Race-1: Beretta/Caldarelli al top

Andrea Caldarelli e Michele Beretta hanno gestito al meglio la prima gara del NOLA del GTWC America. La coppia italiana, alfieri dell’auto #1 del K-Pax Racing, sono stati semplicemente i migliori, vincitori con margine su Misha Goikhberg/Jordan Pepper (K-Pax Racing #3) e Colin Braun/George Kurtz (CrowdStrike Racing by Riley Motorsports/Mercedes #04).

La gara si è aperta con l’ottimo spunto da parte della BMW #96 del Turner Motorsports. Dinan ha preso subito la terza piazza ai danni di Aghakhani (US Racetronics #6/Mercedes), protagonista in negativo dei primi metri dopo la green flag. 

Quest’ultima auto sarà la protagonista dell’evento nel primo e nel secondo stint per due distinti episodi. Nei minuti iniziali vi sarà infatti un testacoda dello statunitense dopo una toccata nel primo tracco con Dinan, un episodio che precederà di qualche minuto l’uscita di scena della BMW M4 GT3 del Turner Motorspor. Foley terminerà infatti la propria avventura nella ghiaia dopo un deciso attacco da parte di Spinelli, alfiere della Mercedes del US Racetronics. 

Negli ultimi minuti della race-1 non sono mancate le emozioni con Caldarelli saldamente leader su Pepper che doveva difendere il secondo posto overall dall’assalto di Braun. Quest’ultimo ha approfittato della sfida tra Spinelli ed Auberlen (Bimmerworld #94/BMW) per salire in Top3 e diventare il nuovo leader della PRO-Am, una posizione che manterrà fino alla bandiera a scacchi.

Race-2: Lamborghini primeggia ancora 

Caldarelli /Beretta hanno conquistato anche la seconda prova con una relativa scioltezza sui diretti rivali che hanno dovuto inchinarsi all’Honda NSX GT3 di  Ashton Harrison/Mario Farnbacher (Racers Edge Motorsport #93/Acura).

Affermazione in PRO-Am per questi ultimi, protagonisti in positivo di una corsa non semplice con la pioggia che ha rischiato di cambiare le carte in tavola. Caldarelli non molla il primato ed allunga nella graduatoria approfittando del terzo posto conclusivo di  Misha Goikhberg/Jordan Pepper (K-Pax Racing #3/Lamborghini).

Prossima tappa al VIR a metà giugno.

ADAC GT Masters, Spielberg: BMW svetta in Stiria

Due su due per BMW e Schubert Motorsport in Stiria in quel di Spielberg, secondo appuntamento dell’ADAC GT Masters. Week-end da ricordare per Ben Green/Niklas Krütten, semplicemente superiori nelle due ore d’azione in pista.

Race-1: BMW imprendibile

BMW ha vinto con forza la race-1 di Spielberg dell’ADAC GT Masters. Ben Green/Niklas Krütten (Schubert Motorsport #20) hanno primeggiato nella terza gara dell’anno chiudendo davanti alla Porsche #91 di  Ayhancan Güven/Christian Engelhart (Joos Sportwagentechnik) ed alla Mercedes #48 di Raffaele Marciello/Jonathan Aberdein (MANN-FILTER Team LANDGRAF).

La corsa si è aperta sotto l’insegna di quest’ultima, in pole con uno strepitoso Marciello. L’elvetico si è dovuto piegare a Green, una situazione che resterà intatta fino all’arrivo. L’AMG cederà nei minuti successivi anche il secondo posto con Aberdein che uscirà dai box alle spalle di Engelhart. Il tedesco ha tentato di riprendere la M4 di Krütten, abile a respingere ogni attacco fino al traguardo.

Race-2: BMW x2

La nuova BMW M4 GT3 ha controllato la corsa dalla pole-position in race-2, un successo mai messo in discussione. Niklas Krütten / Ben Green (Schubert Motorsport #10) hanno gestito alla perfezione lo stint iniziale, una situazione che gli ha permesso di concludere l’opera al meglio nei minuti seguenti.

Secondo posto conclusivo per Jesse Krohn /Nicky Catsburg (Schubert Motorsport #20) davanti a Christian Engelhart/ Ayhancan Güven (Team Joos Sportwagentechnik #91), abili durante gli ultimi 30 minuti a primeggiare sull’Audi #29 di Montaplast by Land-Motorsport #29

Prossima sfida a giugno in quel di Zandvoort (Olanda).

Porsche Carrera Cup Deutschland, Spielberg: Heinrich allunga in classifica

Laurin Heinrich allunga in classifica dopo la tappa di Spielberg della Porsche Carrera Cup Deutschalnd. Nuovo fune settimana da incorniciare per l’alfiere della casa tedesca, semplicemente superiore agli altri.

Race-1: Pereira contro tutti

Dylan Pereira (IronForce Racing by Phoenix Racing) è stato il più veloce nella race-1. Gara perfetta per il temibile pilota lussemburghese che in pochi giri si è sbarazzato di Hartog Loek (Black Falcon), autore della pole-position. 

Quest’ultimo ha completato al secondo posto la terza sfida del 2022 completando alle spalle di Laurin Heinrich (SSR Huber Racing), una certezza nella parte alta della classifica generale. Quarto posto per Larry ten Voorde (GP Elite), quinta per Morris Schuring (SSR Huber Racing).

Race-2: Heinrich sale in vetta

Laurin Heinrich è stato il mattatore della race-2 austriaca della PCC DEUT 2022. Il tedesco, pilota Junior del marchio di Stoccarda, ha controllato la corsa sin dello spegnimento dei semafori non lasciando spazio a nessuno.

Seconda posizione al traguardo per Morris Schuring, autore della pole-position che dopo un primo giro pessimo è riuscito a tornare nella Top3 in seguito ad un contatto tra ten Voorde e Michael Ammermueller (SSR Huber Racing). Il campione in carica ha dovuto terminare quarto, mentre il teutonico è riuscito a completare sul podio.

Prossima gara tra un mese ad Imola.
Supercars Championship, Winton: Waters svetta su SVG

Cam Waters è stato il protagonista assoluto del week-end di Winton del Supercars Championship. La Ford #6 del Tinford Racing ha siglato due successi, mentre nella race-2 ha dovuto arrendersi a Shane van Gisbergen (Triple Eight Engineering) che resta il padrone della categoria.

Race-1: Waters vince il duello con SVG

La race-1 di Winton ha regalato subito parecchie emozioni sin dallo spegnimento dei semafori. Cam Waters (Tickford Racing #6), grazie ad uno start perfetto, ha preso il primato della corsa su Shane van Gisbergen (Triple Eight Engineering #97).

L’autore della pole-position, dopo aver respinto ogni attacco da parte di Will Brown (Erebus Motorsport #9) ha iniziato l’inseguimento alla Mustang #6 del rivale. La missione non è riuscita per il pluricampione neozelandese che ha concluso la corsa con 4 decimi di ritardo dopo una decisa serie di attacchi. Terza piazza conclusiva per David Reynolds (Grove Racing #26).

Race-2: la rivincita del campione

Shane van Gisbergen ha conquistato di forza la race-2 del Supercars Championship in quel di Winton. L’ex vincitore della Bathurst 1000 ha preso con forza il primato su Cam Waters a metà dell’evento dopo il primo ed unico pit stop della corsa.

La Ford Mustang #6 ha gestito al meglio la leadership allo spegnimento dei semafori ed ha tentato di allungare sull’Holden del Triple Eight Engineering. La strategia ha aiutato SVG, abile a prendere il comando con un bellissimo attacco in curva 3. Terzo posto all’arrivo, ancora una volta, per David Reynolds (Grove Racing).

 

Race-3: Waters concede il bis

Cam Waters e Shane van Gisbergen non si sono risparmiati neanche nella race-3. La partenza è stata molto probabilmente il momento decisivo della corsa con SVG che scivolava terzo dopo un bellissimo attacco da parte di Andre Heimgartner (Brad Jones Racing #8). 

SVG ed i propri uomini hanno deciso di fermarsi più tardi in pit lane rispetto a Waters con il chiaro intento di avere nel finale delle gomme più fresche. La strategia si è rivelata ottima, la Holden #97 si è portata nelle tornate conclusive negli scarichi del leader che con una difesa incredibile non ha mollato il comando delle operazioni. Terza piazza per Andre Heimgartner, protagonista in positivo dell’ultimo impegno in quel di Winton 

Prossima tappa a metà giugno in quel di Darawin.

NASCAR Xfinity Series, Texas: Reddick torna a vincere tra le caution

Tyler Reddick ha vinto la prova texana della NASCAR Xfinity Series. Giornata perfetta per il due volte campione della categoria che nella serata di sabato ha ottenuto il 10mo acuto nella categoria, il primo dal 2019 ad oggi (Championship 4 ad Homestead-Miami).

La corsa è stata condizionata da una serie di bandiere gialle che hanno spezzato a più riprese il ritmo. JR Motorsports ha letteralmente dominato la scena nella prima parte, Noah Gragson #9, Josh Berry #8 e Justin Allgaier #7 si sono piegati alla concorrenza con il passare dei giri. 

Reddick, regolarmente iscritto alla Cup Series con RCR, presente all’evento di Fort Worth con una Camaro del Big Machine Racing Team, è salito in cattedra negli ultimi minuti e non è più stato più ripreso da William Byron (JR Motorsports #88), unico che ha tentato di riprendere il 26enne nativo di Corning (California).

Prossima tappa settimana prossima in quel di Charlotte in North Carolina.

NASCAR Truck Series, Texas: Stewart Friesen mette tutti in riga

Stewart Friesen #52 svetta in Texas all’overtime nella NASCAR Truck Series. Giornata perfetta per il padrone e pilota dell’omonima squadra, abile ad avere la meglio sul temibile Christian Eckes #98 (ThorSport Racing).

La corsa è stata controllata sin da subito dalla Toyota #52 di Friesen che ha concesso di fatto solo le due Stage. Ryan Preece (David Gilliland Racing #17) è stato infatti l’unico ad impensierire Friesen che nei due giri conclusivi è stato perfetto con un deciso assalto ad Eckes, leader dopo l’ultima caution.

Nella prossima puntata…

Nella prossima puntata tutta l’attenzione del mondo delle ruote coperte sarà per la 50ma edizione della 24h del Nuerburgring. Non dimentichiamoci però della prova di Charlotte della NASCAR Truck e dell’Xfinity Series, campionati che gareggeranno nel medesimo fine settimana del round di Monaco della Porsche Supercup. Spazio anche al BTCC in quel di Thruxton ed al British GT Championship che tornerà in scena a Donington Park. Azione anche in Giappone con il SuperGT da Suzuka.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.