Il ‘Grello’, l’iconica Porsche giallo-verde di Manthey #911, vince la 49^ edizione della 24 Ore Nürburgring, in una gara oltremodo condizionata dal maltempo che ha tolto di fatto tutte le ore notturne. Matteo Cairoli/Michael Christensen/Kevin Estre/Lars Kern si impongono nell’ “Inferno Verde” con una strategia perfetta che non ha lasciato scampo alla BMW.

24 Ore Nürburgring: ripartenza intorno alle 12.00

Dopo una lunga sospensione in seguito ad una fitta nebbia che ha avvolto il Nürburgring, la competizione è ripresa con la BMW #1 di Nicky Catsburg/John Edwards/Philipp Eng/Nick Yelloly (ROWE) al comando davanti alla Mercedes #4 di Adam Christodoulou/Maro Engel/Manuel Metzger/Luca Stolz (HRT).

Nelle prime battute, condizionate da una visibilità precaria, Eng ha iniziato ad allungare su una concorrenza che perdeva pezzi importanti dopo pochi giri. Maro Engel, secondo classificato, ha commesso un errore nel tratto di ‘Tiergarten’ che ha vanificato una prova per fetta per Haupt Racing Team.

Al secondo posto è salita la M6 #20 di Jesse Krohn/Jens Kligmann/Alexander Sims/Stef Dusseldorp (Schubert Motorsport) davanti alla Porsche #911 di Matteo Cairoli/Michael Christensen/Kevin Estre/Lars Kern (Manthey). Da segnalare, nei primi giri del restart, il contatto tra Raffaele Marciello (Mercedes GetSpeed #7) che ha spedito in testacoda l’Audi #11 di Phoenix Racing, quarta al restart.

Grello allunga, ritiro per la BMW #1 di ROWE

Il ‘Grello’, il soprannome con cui viene indicata la Porsche #911 dal colore giallo-verde, ha preso un piccolo margine sulla concorrenza con un ottimo stint di Kevin Estre e di Michael Christensen. Nei minuti seguenti, dopo il clamoroso ritiro della Mercedes #4, la corsa perdeva anche la BMW #1 di ROWE Racing che alzava bandiera bianca per una noia tecnica.

Ad approfittare della situazione è stata la BMW #98 di Connor De Phillippi/Martin Tomczyk/Sheldon van der Linde/Marco Wittmann, la gemella della #1 che ha ripreso la competizione al comando.

Porsche resiste agli attacchi di BMW

BMW, una volta capito che non poteva primeggiare in pista il ‘Grello’, ha intrapreso una strategia alternativa. La M6 #98 del ROWE Racing ha anticipato l’ultimo pit stop per provare a beffare la Porsche di Manthey.

Matteo Cairoli/Michael Christensen/Kevin Estre/Lars Kern hanno approfittato di una ‘slow zone’ nel bosco per effettuare l’ultima sosta e beffare la BMW #98 di ROWE. La 911 GT3-R ha gestito nel finale un possibile ritorno del sudafricano Sheldon van der Linde, secondo al traguardo con oltre 8.8  secondi di ritardo.

Terzo posto per la Mercedes #7 di Maximilian Götz/Daniel Juncadella/Raffaele Marciello/Fabian Schiller (GetSpeed) che nel penultimo passaggio ha beffato la Porsche #44 di Klaus Bachler/Martin Ragginger/Sven Müller/Alessio Picariello (Falken).

Luca Pellegrini

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.