E’ Aron Canet a vincere il GP della Repubblica Ceca, decima gara stagionale di Moto3. Il pilota del Max Racing Team si mette alle spalle Lorenzo Dalla Porta e Tony Arbolino. Quarta posizione per Jaume Masia, quinto Niccolò Antonelli, autore di una grande rimonta dall’ultima posizione. 7° Migno, 8° Fenati. Cadono Vietti, Rossi e Suzuki.

Grazie al successo di Brno, Aron Canet si porta nuovamente in testa alla classifica iridata, seguito però a ruota da Lorenzo Dalla Porta, distaccato di appena 3 punti.

LA GARA

Parte forte Arbolino, che viene però immediatamente infilato da Fernandez, che si porta in testa al gruppo. Scatta dalla Pit-Line invece Niccolò Antonelli (partiva dalla terza casella) al quale gli si spegne la moto durante la partenza del giro di ricognizione. Da segnalare le cadute di Kunii e Salac al primo giro e di Vietti, Booth-Amos e Suzuki al secondo. Prima metà di gara condizionata dal duello della coppia di piloti del team Snipers Arbolino-Fenati che conducono la gara fino a dieci giri dal termine.

Grande rimonta di Antonelli, che dall’ultima posizione, chiude il gap con i primi e si porta in quindicesima posizione quando mancano 10 tornate alla fine del Gran Premio. A 6 giri dal termine, l’equilibrio regna sovrano e sono diversi gli scambi di posizione: Canet si porta al comando, davanti a Dalla Porta e ad Arbolino. Canet e Arbolino continuano a scambiarsi le posizioni, Dalla Porta è terzo, mentre uno strepitoso Antonelli è quinto.

Un ultimo giro infuocato consegna la vittoria a Canet, che assieme a dalla Porta completa il sorpasso su Arbolino che chiude sul gradino più basso del podio. Una quinta posizione finale che sa di beffa invece per Niccolò Antonelli dopo essere partito dalla pit-line per via dell’errore al giro di schieramento. Chiudono rispettivamente in settima e ottava posizione Migno e Fenati.

Moto3 GP Repubblica Ceca

Andrea Pinna

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.