Photo Pellegrini

Primo successo in Formula 2 per Mick Schumacher, vincitore della Sprint race all’Hungaroring. Grande prestazione da parte del tedesco, che grazie all’inversione di griglia rispetto a gara-1 è scattato dalla prima posizione, mantenuta dall’inizio alla fine. Vittoria comunque non facile e meritata, anche per via del degrado gomme.




Corsa comunque poco emozionante dal punto di vista dello spettacolo, con pochissimi sorpassi e tutti i piloti impegnati a gestire le proprie coperture per evitare di consumare troppo le coperture.

Secondo posto per Nobuharu Matsushita, sempre molto vicino al vincitore, ma mai in grado di attaccarlo. Terzo gradino del podio per Sergio Sette Camara; quarto posto per Jordan King, davanti a Jack Aitken e Nyck De Vries. Settimo Nicholas Latifi, seguito da Luca Ghiotto, che dopo una brutta partenza è riuscito a finire in zona punti. In top ten anche Guanyu Zhou (nono) e Callum Ilott (decimo).

Cronaca. Schumacher mantiene il comando davanti a Matsushita, mentre Ghiotto parte male e scende in nona posizione. Subito si iniziano a delineare le posizioni, con Schumacher che prova ad allungar e Matsushita prova a tenere il passo del tedesco. Il giapponese fa segnare il giro più veloce e si porta a ridosso del pilota Prema. Poco più tardi anche Sette Camara chiude il gap e si porta negli scarichi di Matsushita. Posizioni praticamente congelate fino al sedicesimo giro, quando il brasiliano prova ad attaccare il giapponese e Ghiotto che ci prova su Mazepin, superandolo due tornate più tardi. Nel finale Ghiotto si avvicina a Latifi ma non riesce ad attaccarlo; stesso discorso per Matsushita, che è molto vicino a Schumacher, ma gli rimane alle spalle. Vince dunque Schumacher davanti al giapponese e Sette Camara.

Adesso per la Formula 2 è tempo di vacanze. Si ritornerà in pista a Spa Francorchamps fra 4 settimane.

Carlo Luciani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.