Tre pole position consecutive, due vittorie, leadership del Mondiale, record della pista e ben sei decimi rifilati al compagno di squadra Lewis Hamilton. Valtteri Bottas versione 2019 sembra un lontano parente di quello ammirato l’anno scorso, quando veniva definito “maggiordomo” dell’inglese. 




Appena approdato in Mercedes, dopo due stagioni strepitose dove ha più volte portato a podio la Williams, Bottas ha vissuto due anni difficili in cui è stato più volte costretto a fare gioco di squadra nei confronti di Lewis Hamilton. Sembrava fosse questo il destino del finlandese, ed invece qualcosa è cambiato. 

Bottas ha continuato a lavorare tutto l’inverno a testa bassa, a crederci nonostante le critiche, per poter dimostrare a tutti che si sbagliavano sul suo conto, che è in grado di lottare per il titolo di Campione del Mondo.

Uno strepitoso 1:15:406 che distrugge il record della pista e dimostra il grande feeling del pilota finlandese con la W10: “La macchina fa tutto quello che voglio e che le chiedo” – ha dichiarato Bottas in conferenza stampa – “Come team abbiamo fatto un lavoro fantastico, sia per gli aggiornamenti che per le scelte d’assetto. Sono molto contento di come sono andate le qualifiche perché in FP3 ero in difficoltà e mi sono anche girato.”

Bottas è sembrato sorpreso del distacco con cui ha messo dietro Hamilton: “Sicuramente il vantaggio è grande, non mi aspettavo di averlo, ma non ho visto il giro di Lewis. Posso solo dire che sono riuscito a fare tutto in maniera perfetta.”

Grande modestia quindi, anche quando gli si parla del record di 6 pole consecutive del connazionale Mika Hakkinen: “No, non sono un grande fan dei numeri e dei record. Sono un grande fan di Mika, ma in questo momento della stagione è inutile pensarci”.

Il nuovo Bottas è quindi pronto per lanciare l’assalto al regno incontrastato di Lewis Hamilton, e domani vedremo se sarà in grado di replicare l’eccellente prestazione di Baku.

Appuntamento come sempre alle 14 per la diretta del Gran Premio su Radio LiveGP.

Julian D’Agata

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.