WSBK | Test Portimão Day 2: Razgatlioglu firma il nuovo record della pista
Fonte: Yamaha Racing - Facebook

Terminano le giornate di test WSBK a Portimão, pista che ha visto Razgatlioglu abbattere il record a un’ora dal termine della sessione. Il turco ha firmato il nuovo giro più veloce fermando il cronometro sul tempo di 1:39.616, prestazione che gli ha permesso di chiudere il secondo giorno di test davanti alla Kawasaki di Jonathan Rea e alla Ducati di Alvaro Bautista. Tra le Supersport continua a comandare il binomio Nicolò Bulega-Ducati Aruba.

TEST WSBK PORTOGHESI ARCHIVIATI: RAZGATLIOGLU COMANDA, REA E BAUTISTA IN SCIA

Come detto, il Campione del Mondo WSBK in carica lascia Portimão con la soddisfazione di aver registrato il nuovo record dell’Algarve in sella ad una SBK. La seconda delle due R1 provate dal turco ha percorso sessantasei giri ed ha preceduto la Kawasaki ZX-10R numero 65 di Jonathan Rea, secondo con un ritardo di circa due decimi dal leader di giornata. Il britannico ha provato due moto arrivando a totalizzare quarantuno giri con la seconda (la più veloce) e quarantasei con la prima. Con quest’ultima moto Rea ha firmato il quarto tempo assoluto subendo un distacco di circa sei decimi dal crono di Razgatlioglu.

Terza posizione per Alvaro Bautista, impegnato a lungo nelle prove di distanza. Lo spagnolo, tornato nel box di Borgo Panigale dopo due anni in HRC, ha sfruttato a dovere la giornata dimostrandosi competitivo soprattutto con le gomme da gara. Il tempo più veloce di Bautista è più lento di quattro decimi rispetto a quello di Razgatlioglu ma il Ducatista ha svolto un lavoro diverso incentrato maggiormente sul coprire distanze maggiori.

WSBK | Test Portimão Day 2: Jonathan Rea in sella alla Kawasaki ZX-10R in configurazione test
Fonte: KRT – Facebook

Quarta posizione assoluta per Alex Lowes (quinto nel monitor dei tempi visto l’utilizzo delle doppie moto). L’inglese di casa Kawasaki ha concluso ottantatré tornate con le due moto chiudendo la migliore con il tempo di 1:40.335, riferimento che lo posiziona a poco più di sette decimi dal miglior crono di giornata. Subito dietro a Lowes troviamo Andrea Locatelli sulla Yamaha ufficiale. L’italiano ha diviso il test in due parti: con la prima R1 ha ultimato trentadue giri facendo segnare il miglior tempo personale di 1:40.674; con la seconda, invece, ha percorso quarantasette passaggi arrivando al massimo ad un 1:41.082 che equivale all’ottavo posto in classifica.

PHILIPP OTTL SORPRENDENTE IN PORTOGALLO, NIENTE TRANSPONDER PER PETRUCCI

La sorpresa dei test portoghesi è indubbiamente Philipp Öttl: il 25enne tedesco ha impressionato nelle prime due uscite ufficiali con la Ducati Panigale V4R preparata da GoEleven. Öttl è stato veloce ed ha percorso numerosi km arrivando a terminare sessantadue giri. Tra questi il migliore è stato quello chiuso con il riferimento cronometrico di 1:41.061, tempo notevole considerando la quasi nulla esperienza con il V4 di Borgo Panigale. Continuando a parlare di piloti in arrivo dalla Supersport citiamo Luca Bernardi, scelto da Barni per guidare la Panigale preparata dal team di Marco Barnabò. Il 20enne sanmarinese ha chiuso il secondo giorno di test totalizzando trentanove giri, tra i quali spicca quello completato con il tempo di 1:42.961. Per quanto concerne Danilo Petrucci sì ha girato anche lui ma senza utilizzare il transponder.

CAPITOLO SUPERSPORT: RECORD DI CATEGORIA FIRMATO DA BULEGA

Come da titolo l’ex pilota Gresini Moto2 ha siglato il nuovo miglior tempo per la Supersport passando sul traguardo in 1:43.876. Per Bulega la giornata è stata produttiva anche considerando i quarantotto giri percorsi, km che fanno molto bene sia al team Aruba sia a Ducati. Il costruttore bolognese è stato inoltre protagonista anche con Maximilian Kofler – fermatosi a quasi due secondi da Bulega e autore di ben cinquantotto giri – e Nicholas Spinelli, che chiude la classifica con quarantasei passaggi all’attivo ed il miglior tempo personale di 1:46.496.

Matteo Pittaccio

Leggi anche: BSB | MERCATO PILOTI 2022: IDDON PASSA A BUILDBASE SUZUKI, SYKES CON DUCATI?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.