Viene svelata l’entry list della 24h di Le Mans 2020. Saranno 62 le vetture che parteciperanno all’88ª edizione della famosa maratona francese. Sei LMP1 si contenderanno il trofeo più ambito, mentre notiamo alcune novità tra GTE AM ed LMP2.




Due Toyota, due Ginetta e due Rebellion a riempire lo schieramento della classe regina. La casa giapponese cercherà il tris con due auto, mentre Rebellion potrà puntare su una seconda auto. Il team svizzero, iscritto all’ultimo evento della propria attività sportiva, conferma l’impegno dopo la batosta della passata edizione. Ginetta, assente alla Lone Star Le Mans 2020, figura nell’entry list, dove non vediamo ByKolles Racing, auto considerata come possibile sostituta.

24 auto sono iscritte alla classe LMP2. Le novità riguadano i vincitori della LMP3 dell’European Le Mans Series e i protagonisti dell’ultima Asian Le Mans Series. Provenienti dalla serie continentale, non possiamo non citare l’Eurointernational (Ligier), mentre Eurasia (Ligier) e Thunderhead Carlin Racing (Dallara).

Presenti nella classe LMP2 anche i vincitori dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship dell’Performance Tech ed i campioni dell’European Le Mans Series dell’IDEC Sport. Confermati gli inviti di Graff, Inter Europol Competition, Dunqueine Racing, Panis Racing ed Algarve Pro Racing. Debutta a Le Mans il Nielsen Racing, direttamente dalla LMP3 dell’ELMS e gli americani del Rick Ware Racing, in scena con l’unica Riley.

Entry list Le Mans, la lotta in GTE

Corvette, Porsche, Ferrari ed Aston Martin si contenderanno il trofeo per quanto riguarda la GTE PRO. Le Corvette, direttamente dall’IMSA, debuttano sul Circuit de la Sarthe con le nuove C8R, mentre saranno 3 le Ferrari che tenteranno di difendere il successo del 2019. Risi Competizione conferma l’impegno in GTE PRO, dove si è cercato di colmare la mancanza di Ford e BMW.

Le Porsche americane dell’IMSA saranno di supporto alle due 911 RSR – 19 che militano nel mondiale, mentre sono confermate le due Vantage AMR GTE di Thiim/Sorensen e Lynn/Martin #97.

Per quanto riguarda la GTE Am ci possiamo attendere di tutto. La prima curiosità riguarda l’assenza delle quattro Porsche del Dempsey Proton Competition. Hub Auto Racing, freschi vincitori nella classe GTE dell’Asian Le Mans Series, debuttano nella maratona francese con Ferrari. Le 488 GTE EVO sono le auto più richieste del gruppo e le vedremo impegnate con AF Corse, JMW Motorsport, Iron Lynx, Gear Racing, WeatherTech Racing, MR Racing, Kessel Racing e Luzich.

Le ultime due formazioni acquistano il pass per le 24h di giugno grazie ai titoli nella Michelin Le Mans Cup e dell’European Le Mans Series, rispettivamente per le classi GT3 e GTE. Project 1 è invitata con due auto, mentre la terza vettura è inserita tra le riserve. Saranno invece solo due le Aston Martin in pista, gestite come sempre dal team ufficiale e dal TF Sport.

Nell’entry list della 24h di Le Mans compare un’auto speciale riservata a tre piloti disabili. Questo equipaggio gareggerà con una LMP2, ma non rientrerà nella classifica finale.

Luca Pellegrini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.