Chi è il Grillo Parlante? Se nel romanzo di Collodi, egli rappresentava la voce della coscienza che cercava di orientare Pinocchio verso le giuste scelte da compiere, per la Ferrari è diventato, da un pò di tempo a questa parte, il protagonista di una simpatica rubrica presente nella pagina ufficiale del Cavallino. Il quale ambisce a rappresentare l’umore e la voce della moltitudine dei tifosi della Rossa, senza mancare di far capire, in maniera nemmeno troppo velata, l’opinione di Maranello su tematiche scottanti e di attualità. Come accaduto a proposito della sentenza sul test-gate, quando è stato proprio il Grillo Parlante ferrarista ad esprimere un’opinione piuttosto schietta su quale sia stata la reazione del popolo rosso a quanto emerso dal Tribunale di Parigi. “Vi siete mai trovati – dice il Grillo – a dover rispondere ad un’accusa in un tribunale? Non dev’essere un’esperienza piacevole – al Grillo non è mai successo, fortunatamente – ma oggi abbiamo imparato che, anche se si è colpevoli (e questo è un fatto indiscutibile e accertato), c’è sempre il modo di cavarsela a buon mercato: basta suggerire al giudice la pena, meglio ancora se questa è poco più di uno scappellotto. Si resta a dir poco perplessi poi a vedere che, ancora una volta, chi è colpevole praticamente non paga per aver ottenuto un “ingiusto vantaggio sportivo”. Non venitemi a dire che sia la stessa cosa allenarti tre giorni sul Circuit de Catalunya da soli con i tuoi migliori piloti o farlo insieme ad altre nove squadre in quel di Silverstone con dei giovani di belle speranze, in una località dove l’incertezza meteorologica regna sovrana anche in piena estate. E se poi tutta questa vicenda fosse avvenuta dopo lo svolgimento del test riservato ai giovani, quale sarebbe stata allora la pena, il divieto di fare la cena di fine anno? In un certo senso, poi, è come quando ti annullano un gol regolarissimo o te ne danno uno inesistente quando sei in parità in una partita decisiva della Coppa del Mondo di calcio, episodi che sia inglesi che tedeschi dovrebbero ricordare bene, no? Non è che si rimedia dando poi un rigore nella partita successiva… Sta diventando noioso questo andazzo che ha preso la Formula 1: si sbaglia, si corre magari con una soluzione irregolare ma poi ti si dice di cambiarla per la prossima gara e chi s’è visto s’è visto… Tutto questo fa venire in mente al Grillo che se si trovasse mai a gestire una squadra di Formula 1 nel prossimo futuro e che questa cominciasse il campionato in difficoltà, basterebbe organizzare una bella settimana di test al momento giusto e poi saltare magari un’eventuale sessione finale, quando i giochi potrebbero essere già fatti, no? P.S.: ah, a chi straparla di trasparenza e di credibilità il Grillo desidera ricordare che le regole sono molto chiare: non si possono fare test con la vettura dell’anno in corso. Con quelle vecchie di almeno due anni si può girare quanto si vuole, dove si vuole, con chi si vuole, vestiti come si vuole, invitando chi si vuole”.

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.