F1 | GP Ungheria 2024 - Commento LIVE Qualifiche

Credits: GTWC Europe
Credits: GTWC Europe

Phillip Eng è indubbiamente uno degli osservati speciali questo week-end in vista della 24h di Spa, evento principale del Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS Endurance Cup. L’austriaco, vincitore lo scorso anno, è il pilota in azione con più successi, tre per l'esattezza considerando anche le gioie ottenute nel 2016 e nel 2018.

Eng tenta di confermarsi 

Il volto ufficiale di BMW Motorsport tornerà al volante con una M4 GT3 schierata dal team ROWE Racing, nuovamente atteso insieme a Nick Yelloly ed a Marco Wittmann. Il tridente ha primeggiato  lo scorso giugno abbattendo l'agguerrita concorrenza da parte della Mercedes AMG GT3 #88 del Team Akkodis ASP.

L’alfiere di BMW per la classe GTP dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship ha la chance di eguagliare Jean-Michel Martin (1979, 1980, 1987, 1992) e Thierry Tassin (1983, 1986, 1994, 1996), coppia che condivide il secondo posto nell’albo d’oro della 24h di Spa con quattro affermazioni a testa. 

ROWE Racing e BMW cercano la storia 

L’austriaco ha riportato ai nostri microfoni: 

La pista è cambiata molto rispetto ai test con il nuovo asfalto, ma questo è solo un vantaggio. Abbiamo più grip e questo è sicuramente un vantaggio, i cambi più importanti

Il tre volte vincitore della corsa GT più importante al mondo ha continuato dicendo:

Nel 2014 ho gareggiato con un costruttore differente ed accanto a me avevo BMW Motorsport. Ho pensato subito che se avessi voluto vincere la gara avrei dovuto modificare la mia collocazione nello schieramento e così è stato. Sono riuscito a vincere tre volte qui, per ora la più bella è forse stata quella del 2018. Siamo stati perfetti e siamo stati in grado di completare la competizione senza errori, è stato veramente bello

BMW Motorsport punta a siglare la storia con la vettura #98 di Eng/Wittmann/Yelloly. Solo una volta nella storia, infatti, il medesimo equipaggio ha vinto la maratona delle Ardenne, un episodio avvenuto nel 1979 e nel 1980

Da Spa - Luca Pellegrini