F1 | GP Ungheria 2024 - Commento LIVE Qualifiche

Cadillac Racing #01 vince a Laguna Seca la quarta prova dell'IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Renger van der Zande/ Sébastien Bourdais colgono il primo acuto del 2023 precedendo all'arrivo Nick Tandy/Mathieu Jaminet (Porsche Penske Motorsport  #6) e Tom Blomqvist/Colin Braun (Meyer Shank Racing with Curb-Agajanian  #60). Mercedes vince in GTD PRO, Porsche festeggia in GTD.

https://twitter.com/IMSA/status/1657879496723410944

IMSA, Laguna Seca: Porsche parte in ombra, Cadillac ed Acura all'attacco

Matt Campbell (Porsche Penske Motorsport #7) e Mathieu Jaminet (Porsche Penske Motorsport #6) hanno perso il primato alla green flag commettendo un significativo errore in curva 1. L'australiano ed il francese sono stati beffati dall'Acura #60 di Shank Racing, all'attacco dalla terza piazza con Colin Braun.

La prima parte della 'MOTUL Course de Monterey Powered By Hyundai' è stata caratterizzata da due Safety Car che hanno segnato il ritmo dell'intera corsa. La caution iniziale è stata scatenata da un problema per l'Acura #66 di Gradient Racing, mentre la seconda ha bloccato la corsa in seguito al crash all'ingresso della pit road da parte dell'Aston Martin #94 di Andretti Autosport. Non ci sono state conseguenze da parte di Jarett Andretti, out dopo una toccata con Matt Campbell.

La prima sosta comune ai box ha premiato Pipo Derani (Whelen Engineering Cadillac Racing #31). Il brasiliano si è portato in vetta su Connor De Philippi (BMW M Team RLL #25), padrone di casa che ha iniziato a difendersi dalla Cadillac #01 di Séb Bourdais.

https://twitter.com/IMSA/status/1657846463194603520

Shank Racing prova a recuperare, Action Express risponde

La terza caution della serata, entrata per spostare l'Oreca #8 di Tower Motorsport, ha visto Shank Racing tornare in vetta nella concitata pit road del WeatherTech Raceway Laguna Seca. Colin Braun ha preso la vetta su Pipo Derani e Filipe Albuquerque (WTR with Andretti Autosport #10/Acura).

La favola dell'ex campione della classe LMP3 si spegnerà presto, l'ARX-06 perderà infatti progressivamente terreno finendo in quinta piazza. La regressione di Braun precederà l'ultima sosta ai box, Alexander Sims  si ritroverà davanti a tutti con la Cadillac #31 di Action Express, leader con un piccolo scarto su van der Zande #01 e Nick Yelloly (BMW #25).

1h per eleggere il vincitore 

Cadillac vs BMW e Porsche per il successo con Acura all'inseguimento. In questa maniera si è aperta l'ultima ora della quarta tappa dell'IMSA WTSC con Action Express #31 in vetta davanti a Cadillac Racing #01 e BMW #25.

Alla ripartenza, la quarta della giornata dopo un problema da parte della Lexus #12 di Vasser Sullivan, ha visto un perfetto attacco da parte di Renger van der Zande #01 ai danni di Alexander Sims. L'ex vincitore della Rolex 24 è balzato in vetta sul britannico che invano ha provato a difendersi nell'impegnativa curva 3 del tracciato di Laguna Seca.

https://twitter.com/CGRTeams/status/1657866557022674946

Il sorpasso dell'auto di Chip Ganassi sulla Cadillac di Action Express  stato decisivo nell'economia della prova di Laguna Seca, van der Zande/Bourdais hanno ottenuto la prima gioia del 2023 del campionato a poche settimane dal ritiro di Long Beach. Porsche Penske Motorsport #6 ha agguantato la seconda piazza solamente nel finale, Sims/Derani #31 si sono accontentati della terza piazza.

IMSA Laguna Seca, LMP2: TDS vince per la prima volta

TDS Racing vince con Mikkel Jensen/Steven Thomas #11  in LMP2. La squadra francese si impone dopo una bellissima bagarre contro George Kurtz/ Ben Hanley (Crowdstrike Racing by APR #04) e Paul-Loup Chatin/Ben Keating (PR1 Mathiasen Motorsports #52).

I tre equipaggi citati non si sono risparmiati in quel di Laguna Seca, TDS Racing ha avuto la meglio nel traffico beffando Hanley che non è riuscito a confermare la splendida pole-position firmata in qualifica da Kurtz.

https://twitter.com/IMSA/status/1657879202149060608

IMSA Laguna Seca, GTD PRO: bis per Mercedes

Bis per Mercedes dopo la Rolex 24 nella classe GTD. Daniel Juncadella e Jules Gounon svettano in GTD PRO dopo una prova perfetta, abili ad approfittare ad 1h dalla fine di una significativa penalità per Corvette Racing ed Heart of Racing. Seconda piazza per Ben Barnicoat/Jack Hawksworth  (Vasser Sullivan #14/Lexus), terza per Klaus Bachler/Patrick Pilet  (Pfaff Motorsports #9/Porsche).

https://twitter.com/MichelinRaceUSA/status/1657872961477693440

Pfaff parte forte, ma sbaglia

Pfaff Motorsports e Porsche hanno controllato la prova per i primi 20 minuti. Klaus Bachler farà la differenza fino alla prima sosta quando, all'uscita della pit road, rimedierà una sanzione per non aver rispettato il semaforo rosso infondo alla corsia dei box. Corvette Racing #3 ha automaticamente ereditato la leadership con Jordan Taylor, americano che durante la seconda sosta in caution dovrà cedere il primato all'Aston Martin #23 di Heart of Racing.

La seconda metà della gara è stata particolarmente interessante con una sfida ad armi pari tra i principali protagonisti. Alex Riberas #23 ha dovuto guardarsi le spalle da Antonio Garcia #3, i due iberici si sono ritrovati davanti all'andorrano Jules Gounon (WeatherTech Racing #79/Mercedes).

Corvette ed Aston incoronano Mercedes

Ad 1h dalla conclusione è arrivato il colpo di scena più importante della serata per quanto riguarda la categoria GTD PRO con una sanzione per Heart of Racing #23 e Corvette Racing #3. Le due auto di testa hanno commesso un'infrazione in regime di Safety Car, la direzione gara ha puntualmente sanzionato i colpevoli promuovendo in vetta la Mercedes #79 di Jules Gounon.

https://twitter.com/IMSA/status/1657878972926140416

L'andorrano non ha commesso errori e si è portato davanti a tutti nel traffico delle GTD. Gounon/Juncadella, dopo l'acuto di Daytona, ritornano in vetta beffando Vasser Sullivan #14 e Pfaff Motorsports #9, in rimonta grazie alle caution che di fatto hanno annullato una pesantissima sanzione di sessanta secondi ai box.

IMSA Laguna Seca, GTD: prima volta per Porsche e KellyMoss with Riley

Prima volta per Porsche nel 2023, esordio assoluto nella Victory Lane al termine di una prova dell'IMSA WeatherTech SportsCar Championship per KellyMoss with Riley.  Kay van Berlo/Alan Metni #91 vincono in GTD, perfetti nel chiudere davanti a Chandler Hull/Bill Auberlen (Turner Motorsport #97/BMW) ed a Julien Andlauer/Alec Udell  (KellyMoss with Riley #92/Porsche).

https://twitter.com/IMSA/status/1657873969696100352

Porsche all'attacco sin da subito

Il via è stato caratterizzato da una lotta al vertice tra Alec Udell (KellyMoss with Riley #92/Porsche) e Roman De Angelis   (Heart of Racing #27/Aston Martin). Il canadese befferà l'avversario e si porterà davanti a tutti, un primato che verrà ceduto dopo 40 minuti al termine della seconda Safety Car.

La prima caution non ha visto la sosta di KellyMoss with Riley e di Turner Motorsport. Le due Porsche di Udell e Kay van Berlo hanno preso le redini della prova a meno di due ore dalla bandiera a scacchi, BMW si è messa all'inseguimento insieme al già citato De Angelis. 

La strategia è stata stata determinante nell'economia della prova, a sessanta minuti dalla bandiera a scacchi la quarta tappa del 2023 è ripresa dopo un incidente da parte della Lexus #12 di Vasser Sullivan.

Magnus Racing #44 ha condotto le danze per qualche minuto, Andy Lally ha provato con la propria Aston Martin a tenere testa al ritorno di Kay van Berlo. L'olandese non si è lasciato intimorire dal veterano del gruppo, il sorpasso è stato perfetto da parte del #91 che successivamente non è più stato ripreso.

Chandler Hull/Bill Auberlen (Turner Motorsport #97/BMW) e  Julien Andlauer/Alec Udell  (KellyMoss with Riley #92/Porsche) hanno concluso nell'ordine alle spalle della Porsche 911 GT3-R (992) #91, meritatamente a segno sotto il sole della California.

https://twitter.com/PorscheRaces/status/1657866709007765506

Prossimo appuntamento a fine giugno a Watkins Glen per una 6h da non perdere. Sarà la terza tappa della Michelin Endurance Cup, le GTP torneranno in scena in compagnia di LMP2, LMP3, GTD PRO e GTD.

Luca Pellegrini