Classe 2003, campione della F4 degli Emirati Arabi Uniti nel 2019, tanta grinta e un futuro nel FIA F3. Matteo Nannini è sicuramente emerso tra i talenti più promettenti della stagione scorsa. Protagonista di un’ascesa rapidissima, il giovane forlivese ha dominato il campionato di F4 UAE, conquistando il titolo con un margine di 68 punti, per poi sbarcare in Formula Regional e disputare il round finale della Formula Renault Eurocup, dando prova del suo spirito combattivo in numerose occasioni. Fresco di annuncio con il team svizzero Jenzer Motorsport, Nannini è ormai prossimo al debutto nella Formula 3 ufficiale e, prima di entrare nel vivo degli allenamenti e dei test prestagionali, è intervenuto nel corso della puntata 286 di Circus.

Il giovane pilota italiano ha condiviso le sue sensazioni e aspettative per il campionato che si prepara ad affrontare, tra scommesse con se stesso e appuntamenti con piste che calcherà per la prima volta.

“Il 2020 può essere un anno di slancio per la mia carriera, un modo per valutare meglio le mie capacità, essendo il livello molto alto tra i piloti. La presenza in F3 dà molta visibilità e può permettere l’ingresso in una academy o di fare conoscenza con una casa automobilistica”.

“Il campionato è molto difficile" - ha continuato Matteo - "Ci sono molte piste che affronterò per la prima volta come ad esempio Spa, Sakhir, Silverstone, però questo non mi preoccupa tanto, dato che mi adatto sempre molto bene alle piste nuove. Questa sarà anche una scommessa per vedere chi le saprà interpretare meglio in breve tempo, essendo nuovi anche i miei compagni”.

“Ho scelto Jenzer perché mi sembra un team molto valido, in seguito a due sessioni di test molto positive svolte in precedenza a Barcellona. La prossima stagione può essere quindi una buona vetrina e sono sicuro che potremo ottenere grandi risultati con la squadra”.

A partire dai test in Bahrain dal 1 al 3 marzo Nannini avrà l’opportunità di distinguersi, come ha fatto nel corso di numerose gare nel 2019. La più memorabile, come ricorda lo stesso Matteo, è avvenuta nel 3° round della F4 UAE e lo ha visto recuperare dal fondo al 2° posto con un ritmo indiavolato dopo un contatto alla partenza.

“Partivo terzo in griglia ed è stata una gara in cui è successo di tutto" - ha raccontato il forlivese - "Purtroppo alla partenza dopo 2 curve mi sono toccato con il mio compagno di squadra e siamo usciti di pista, ma dopo quei 2-3 secondi di rabbia sono riuscito a mantenere la calma e mettere la retromarcia. Grazie alla safety car sono riuscito a prendere il gruppo e mi sono dato a una rimonta senza fine, per poi chiudere 2°”.

Per riuscire a compiere una rimonta ‘alla Vettel’ a Hockenheim 2019, l’esperienza sui kart ha certamente giocato un ruolo fondamentale nella crescita professionale di Matteo. Nel corso del 2018 è avvenuto questo passaggio importante, che il pilota ci ha descritto così: “Una delle differenze fondamentali sta nella posizione di guida, perché con la macchina si è molto più stesi. Inoltre una cosa su cui ho dovuto lavorare a lungo è stata la frenata, perché sul pedale del freno bisogna esercitare molta pressione con la gamba sinistra. Quindi ho dovuto incrementare il mio allenamento in palestra e ho iniziato ad andare in mountain bike per rafforzare le gambe”.

“Il kart, comunque, è stato un ottima scuola per quanto riguarda le gare, i sorpassi, mantenere la concentrazione, gestire la pressione”.

In attesa dell’apertura della nuova stagione Matteo ha ulteriormente modificato il proprio allenamento per essere da subito in forma e competitivo in pista.

“Più si sale di categoria, più viene intensificato l’allenamento. Quindi più ore in palestra, all’aperto, corsa e mountain bike nel mio caso. L’allenamento si basa sul collo, perché più la macchina è potente, più c’è da lavorare e il collo ne risente”.

Tra poco più di un mese sarà quindi il momento della verità per Matteo Nannini, che scenderà in pista a Sakhir per la sua prima gara nel campionato di Formula 3.

Leggi anche: FIA F3 | MATTEO NANNINI CON JENZER MOTORSPORT

Beatrice Zamuner

LiveGP.it è la storia di un piccolo sogno divenuto realtà. Un progetto partito da un foglio bianco nel Novembre 2012 e cresciuto, giorno dopo giorno, fino a diventare un vero e proprio network a 360° operativo nel mondo del Motorsport.

LiveGP.it è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano in data 27/04/2016 al numero 134. Proprietario e editore: Marco Privitera. P.IVA 08976770969 © Copyright LiveGP.it 2012-2024

Contact us: [email protected]

Powered by Slyvi