Quella di oggi è stata una giornata di grandi annunci in MotoGP: sono infatti arrivate le conferme ufficiali del passaggio di Maverick Viñales dalla Suzuki alla Yamaha e di Andrea Iannone dalla Ducati alla Suzuki. Due cambiamenti importanti in vista del Mondiale 2017 che, unendosi al già ampiamente noto arrivo di Jorge Lorenzo in casa Ducati, variano molto il panorama del prossimo anno per quanto riguarda la griglia di partenza.

Era ormai nell’aria l’annuncio del passaggio di Viñales dalla Suzuki alla Yamaha. Mancava solo l’ufficialità che è arrivata questa mattina, all’alba di uno dei Gran Premi più attesi della stagione, quello del Mugello: il pilota spagnolo il prossimo anno prenderà il posto di Lorenzo come compagno di team di Valentino Rossi. I primi a renderlo noto sono stati quelli della Suzuki: “Tutta la Suzuki è estremamente grata a Viñales per aver contribuito alla crescita del progetto MotoGP e allo sviluppo della Suzuki GSX-RR” si legge nel loro comunicato, mentre pochi minuti più tardi la Yamaha ha annunciato l’ingaggio della spagnolo per le stagioni 2017 e 2018. Viñales in mattinata ha ringraziato sul suo profilo Twitter la Suzuki per il lavoro svolto finora e per le aspettative per l’attuale stagione, successivamente ringraziando anche la Yamaha per la fiducia e l’opportunità.

Al posto di Viñales la Suzuki ha ufficializzato l’ingaggio di Andrea Iannone: l’attuale ducatista il prossimo anno vestirà di blu e questo annuncio (dopo la notizia del rinnovo di Dovizioso) ha di fatto chiuso anche la “lotta” interna per il posto sulla rossa di Borgo Panigale tra i due Andrea, che fin da inizio stagione ha fatto parlare appassionati e addetti ai lavori. “Io sono un pilota ambizioso e avere un progetto incentrato su di me è molto importante” ha affermato Iannone “mi dispiace lasciare la Ducati, ma la carriera è lunga e vedremo cosa accadrà in futuro” ha aggiunto il rider di Vasto. 

Il mercato piloti con questa due firme si avvia verso le sua conclusione. Sono rimasti solo pochi contratti da definire e posti liberi da occupare, per un 2017 che vedrà molti tra i piloti più conosciuti alle prese con moto diverse. Sarà quindi interessante vedere chi riuscirà ad adattarsi meglio: di sicuro le nuove accoppiate cambieranno gli equilibri e potranno anche portare molte sorprese.

Alice Lettieri

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.