E’ stata presentata questa mattina a Sepang la nuova Yamaha 2020, che porterà ai nastri di partenza ancora una volta le due punte Maverick Vinales e Valentino Rossi in sella alla nuova M1. Obiettivo dichiarato: tornare al titolo.

Teatro della presentazione è stata la pit-lane della pista di Sepang, dove da domani venerdì 7 febbraio scatterà la prima sessione di test ufficiali della MotoGP per il 2020 con tutti i piloti titolari in pista. Come ampiamente risaputo, questa sarà l’ultima stagione di Valentino Rossi in sella alla moto del team ufficiale di Iwata, che assieme al compagno di squadra Maverick Vinales, proverà a riportare la squadra giapponese al vertice.

La livrea della nuova Yamaha 2020 è pressoché identica a quella dello scorso anno, con le novità (si spera buone) racchiuse sotto la carena. Oltre ai due piloti ufficiali, presente anche Jorge Lorenzo, nuovo tester ufficiale della moto giapponese.

Yamaha 2020

LE PAROLE DI LIN JARVIS

“Non c’è stato un vero break invernale, abbiamo fatto grande lavoro, con grande energia e questi test sono molto importanti, soprattutto per capire la direzione da prendere. Anche nella decisione dei piloti da schierare per il futuro abbiamo puntato dal 2021 in poi, come con una sorta di ‘prenotazione’ (lo dice in italiano ndr), sui più giovani talenti che non volevamo correre il rischio di perdere. Nello stesso tempo abbiamo dato modo a Valentino di prendersi il tempo che chiedeva per verificare il suo rendimento e le prestazioni della moto, ma per me è stata una chiacchierata difficile, perché nel momento in cui chiedeva tempo io sapevo che per noi era impossibile concederlo. Mi aspetto molto dalla Yamaha 2020 e dai nostri piloti, quest’anno, abbiamo portato con noi anche l’esperienza di Jorge Lorenzo, tutto l’ambiente è carico e l’obiettivo è tornare a vincere il mondiale”.

MAVERICK VINALES: “SIAMO SULLA STRADA GIUSTA”

Ho potuto imparare tanto da Valentino, sia all’interno del box sia fuori dalla pista. Per me è stato importante lavorare in questi anni al suo fianco. Una volta chiusa questa tappa, vedremo come elaborarla. Era importante chiarire qualche punto, avere il pieno supporto della squadra. E ora sono contento, arriviamo ai test con grandi motivazioni. Siamo sulla strada giusta. E’ importante vedere che tutto il team si muova nella stessa direzione: voler vincere“. Sulle novità della M1: “Mi aspetto una moto molto vicina a quella del 2019. Alla fine il livello era buono, abbiamo raggiunto una certa costanza, e questo era l’aspetto su cui dovevamo insistere”.

VALENTINO ROSSI: “VOGLIO ESSERE COMPETITIVO”

“Mi piacerebbe essere competitivo e lottare in tutte le gare, l’anno scorso ci sono state buone prove come in Malesia e Misano, dove sono andato abbastanza forte. Però ho sofferto troppo in alcuni GP. Per me essere competitivo significa lottare per il podio. Nello sport l’unica cosa che conta sono i risultati. Quest’anno mi impegnerò al massimo per provare a correre anche in quello successivo“. Poi sul ritorno di Lorenzo: “Il ruolo del collaudatore è importante. Lorenzo poi è giovane e se si trova bene potrebbe anche pensare di non smettere e tornare a correre. Il nome Lorenzo fa bene a tutti.”

Una stagione importante per i piloti. Maverick Viñales determinato a lottare costantemente per le posizioni che contano, anno di decisioni invece per Valentino Rossi, che dovrà decidere se continuare a correre o appendere il casco al chiodo.

MOTOGP | PRESENTAZIONE SUZUKI: NEL 2020 UNA NUOVA PELLE

Andrea Pinna

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.