E' Jorge Lorenzo a stampare il miglior crono nel venerdì del Sachsenring. Il maiorchino si impone davanti alla Ducati del team Pramac di Danilo Petrucci e alla Suzuki di Andrea Iannone (primo nel turno della mattina); quarto tempo per Andrea Dovizioso, solo quinto Marc Marquez, che però non ha tentato un time attack, concentrandosi invece sul lavoro in ottica gara dove nessuno si avvicina al suo passo. Decisiva la FP3 di domani mattina per Valentino Rossi, solo diciassettesimo.

 

FP1. La prima sessione di libere parte come tutti si aspettavano con Marc Marquez (che vince in Germania ininterrottamente dal 2010, ndr) che stampa il miglior crono, seguito a quattro decimi da Andrea Dovizioso, Maverick Vinales, Andrea Iannone e Valentino Rossi. I piloti procedono col lavoro di messa a punto delle moto senza cambiare gomme con il miglior tempo di Marquez che non viene ancora battuto, ma tra lui e Andrea Dovizioso si infilano Andrea Iannone e Maverick Vinales. Dietro al Dovi troviamo le altre due Ducati di Danilo Petrucci e Jorge Lorenzo, che precedono le Yamaha di Valentino Rossi e Johann Zarco, con Alex Rins ed Alvaro Bautista a chiudere la top 10 quando mancano circa venti minuti al termine del primo turno di libere. Proprio Bautista e Rins, insieme a Tito Rabat, sono protagonisti di tre cadute nel giro di pochi secondi, fortunatamente senza conseguenze per i piloti. Andrea Iannone cambia le gomme, montando un treno nuovo con il posteriore soft e l’anteriore medio e nel giro di due passaggi fa registrare il miglior tempo della mattina: 1’21″442. Anche Valentino (coppia di medie), Danilo Petrucci e Jack Miller (solo posteriore hard), Scott Redding (coppia di morbide) e Johann Zarco (anteriore morbido) montano le gomme nuove a fine turno, migliorando il loro tempo. Alla bandiera a scacchi la classifica recita così: primo posto per Andrea Iannone, davanti a Marc Marquez e Valentino Rossi, che precede il compagno di squadra Maverick Vinales, prima di trovare quattro Ducati con Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci, Jack Miller e Jorge Lorenzo chiusi in meno di due decimi. In top 10 anche la Aprilia di Scott Redding e la Yamaha privata di Johann Zarco. Ventiduesima posizione per Franco Morbidelli, che però, a causa della frattura al polso rimediata ad Assen, non prenderà parte al GP. Al suo posto chiamato Stefan Bradl, pilota tedesco collaudatore HRC che correrà anche come wild card a Brno.

FP2. La seconda sessione inizia con Marquez che, con le gomme nuove, stampa subito un 1’21″349 portandosi davanti a tutti seguito da un poker di Ducati composto da Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo, Alvaro Bautista e Danilo Petrucci. Spaventosa caduta di Mika Kalliio alla curva otto: la wild card finlandese è finito violentemente contro gli airfence ancora sulla moto, fortunatamente nulla di grave per Mika anche se è stato portato in una zona di sicurezza in barella. A metà turno il miglior tempo resta quello di Marc Marquez, mentre sale in seconda posizione Maverick Vinales davanti a Jorge Lorenzo e Danilo Petrucci; quinta la Yamaha di Johann Zarco mentre è sesta la Ducati del team Avintia di Tito Rabat, settima posizione per Takaaki Nakagami che precede Danilo Petrucci, Alvaro Bautista e Hafizh Syahrin a chiudere i primi dieci. Si inseriscono nelle prime posizioni anche Alvaro Bautista, Cal Crutchlow e Aleix Espargaro che, quando mancano dieci minuti, si portano nelle posizioni che vanno dalla terza alla quinta. Gli ultimi minuti del turno sono un susseguirsi di miglioramenti, ma il tempo di Marquez resiste fino a due minuti e mezzo dalla fine del turno, quando Jorge Lorenzo fa segnare un sensazionale 1’20″885, seguito a ruota da Danilo Petrucci, che però non riesce a scendere sotto il muro del 1’21”. Terza posizione per Andrea Iannone, che dopo aver passato tutto il turno nella parte bassa della classifica si porta in terza posizione davanti all’altra Ducati ufficiale di Andrea Dovizioso. Quinto, ma senza tentare un attacco al tempo, è Marc Marquez, che forte del tempo fatto segnare a inizio turno si è concentrato sul lavoro in ottica gara; sesto Maverick Vinales con la prima delle Yamaha, settimo e primo rookie Takaaki Nakagami, che precede Jack Miller, Cal Crutchlow e Alvaro Bautista, che chiude la top 10. Male Valentino Rossi, solo diciassettesimo e che domani mattina nel terzo turno di libere dovrà migliorarsi di molto se non vorrà passare per il Q1. Ventunesimo Stefan Bradl, capace di tenersi dietro Tom Luthi, Mika Kallio e Xavier Simeon.

Qualificati in Q2:
1. Jorge Lorenzo
2. Danilo Petrucci
3. Andrea Iannone
4. Andrea Dovizioso
5. Marc Marquez
6. Maverick Vinales
7. Takaaki Nakagami
8. Jack Miller
9. Cal Crutchlow
10. Alvaro Bautista

Gli orari di domani:
FP3: 9:55
FP4: 13:30
Qualifiche: 14:10

Mathias Cantarini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.