Pole position di Jorge Lorenzo in sella alla Ducati sulla pista di Barcellona. Il pilota di Maiorca è stato protagonista di un weekend davvero importante dopo la vittoria al Mugello, riuscendo ad imporre il suo ritmo fin da subito. Seconda posizione per Marc Marquez, che oggi ha regalato numeri da circo, cadute e giri veloci al pubblico presente, ricordando ancora una volta di essere l’uomo da tenere d’occhio per il Mondiale. Terzo Andrea Dovizioso, che ha reagito dopo un inizio complicato, ma con un buon passo per la gara di domani. Da tenere d'occhio anche Valentino Rossi, che scatterà dalla settima casella e potrà dire la sua nella settima gara della stagione.

Q1

Il grande atteso delle Q1 di oggi è stato Marc Marquez, un pilota che non siamo abituati a vedere in questo turno ma che oggi, complici le cadute, si è dovuto cimentare con questa sfida. Il pilota spagnolo ha rischiato molto anche durante le FP4, dove ha regalato un numero da circo ai tifosi assiepati sugli spalti della pista catalana, anche se i suoi tempi sono stati comunque molto veloci; nei 15 minuti utili per passare il turno ed accedere al Q2 il primo a firmare un tempo interessante è stato Alex Rins, anche se Aleix Espargarò ha subito ritoccato il suo crono. A 9 minuti dal termine Marquez ha cambiato passo portandosi in prima posizione con un 1’39”439, senza però continuare a spingere per evitare di incappare in nuovi errori.  A metà turno i piloti sono tornati ai box per il cambio gomme e i giochi si sono riaperti a 5 minuti dalla fine. Il pilota della Honda è stato l’unico a tornare in pista con la hard all’anteriore, una mossa importante in vista del turno successivo che si è rivelata vincente, dato che Marquez è riuscito ad abbassare il suo tempo, portandolo a 1’39”374, quasi 5 decimi più rapido del secondo in pista Jack Miller. Sul finale il campione del mondo in carica ha continuato a migliorare le sue prestazioni e lui e un sorprendente Takaaki Nakagami sono riusciti così ad accedere alle qualifiche ufficiali.

Q2

I quindici minuti delle qualifiche ufficiali hanno visto sfidarsi, come di consueto, i piloti più veloci del weekend, anche se fare pronostici sulla pole position non è stato possibile considerando le prove libere e il talento in pista. Durante i primi passaggi ci sono stati giochi di scie e grande studio tra i centauri ed in tanti si sono visti costretti a rallentare per evitare di fare da traino ai più lenti. Il più rapido nel primo giro è stato Jorge Lorenzo che, partendo ultimo, non ha dovuto fare i conti sugli inseguitori; col passare del tempo anche Marc Marquez e Valentino Rossi si sono resi protagonisti di una qualifica da brividi e lo spagnolo ha stampato un 1’38”886 mentre Johann Zarco è caduto dopo un incrocio di traiettorie con Marquez. A otto minuti dal termine Lorenzo è tornato ai box visibilmente nervoso per le prestazioni dello pneumatico posteriore e dopo poco anche tutti gli altri piloti sono rientrati ai box. Tornato di nuovo in pista, Andrea Dovizioso ha spinto fin da subito riuscendo a prendersi la seconda piazza dopo un inizio in sordina, ma Marquez ha stupito ancora abbassando il suo crono ed alla fine Lorenzo con un T4 perfetto gli ha rubato la posizione aggiudicandosi la pole position con un 1’38”680. Prima posizione quindi di Lorenzo davanti a Marquez e Dovizioso, mentre in seconda fila troviamo Maverick Viñales, Andrea Iannone e Danilo Petrucci, seguiti da Rossi, Zarco e Rabat; quarta fila per Cal Crutchlow, Dani Pedrosa e Takaaki Nakagami.

Alice Lettieri 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.