Sulla pista di Sepang i piloti della Moto3 sono stati protagonisti di una gara più tattica del solito, con meno bagarre e più strategia, ma anche stavolta il risultato non è cambiato: il neo campione del mondo Joan Mir è riuscito a vincere la sua decima gara della stagione 2017 davanti a Jorge Martin ed Enea Bastianini. Il pilota Gresini era partito a fionda, riuscendo anche a fuggire fino a metà gara, ma è stato ripreso dai due rivali e la lotta non gli ha concesso, nemmeno stavolta, di salire sul gradino più alto del podio. Bene gli altri italiani con Romano Fenati che chiude settimo e si prende di diritto il titolo di vice campione del mondo Moto3, una soddisfazione che lo accompagnerà nel salto in Moto2 il prossimo anno.

La cronaca. Jorge Martin scatta al meglio riuscendo a sorprendere anche il campione del Mondo Moto3 Joan Mir e si prende la testa della corsa, alle sue spalle si alternano vari piloti in seconda posizione e i numerosi sorpassi permettono al pilota del team Gresini di scappare. Al centro del gruppo intanto il giapponese del team Sic58 Squadra Corse, Tatsuki Suzuki, è vittima di un highside che ne causa la caduta ma per fortuna rientra subito in pista. Enea Bastianini recupera pian piano posizioni fino a salire al terzo posto, in bagarre con Mir e Livio Loi: i tre iniziano ad adottare una strategia vincente, cioè quella di non disturbarsi per recuperare il gap su Martin e il nuovo approccio sembra pagare, dato che ad ogni settore il gruppo riesce ad avvicinarsi. Giro dopo giro anche Mir si stacca dagli altri piloti e diventa l’unico in grado di riprendere il leader della corsa, mentre gli altri rimangono in lotta per il terzo gradino del podio; a metà gara intanto le gomme iniziano a cedere a causa dell’asfalto reso scivoloso dal caldo e dall’alto tasso di umidità e molti piloti scivolano, chiudendo così la propria gara. A dieci giri dalla fine Mir prende Martin e lo supera senza troppi complimenti cercando a sua volta di scappare. A sorpresa Bastianini torna in contatto con i primi due e finalmente la bagarre per la prima posizione si infiamma: tutti e tre tentano alternativamente la fuga ma su questo tracciato non è facile soprattutto per i giochi di scia; i tre sono piloti esperti, spesso meticolosi e lavorano per non farsi riprendere dal gruppo, dove al contrario i sorpassi si sprecano e tra i maggiori protagonisti ci sono gli italiani Romano Fenati, Andrea Migno e Fabio DiGiannantonio. A tre giri dal termine del Gran Premio della Malesia Mir torna davanti, ma Bastianini e Martin non mollano fin quando l’italiano mette le gomme sul cordolo per non far passare il pilota Gresini, perdendo così metri; il contatto alle sue spalle permette a Mir di guadagnare margine, lanciandolo verso una nuova vittoria in Moto3. Martin e Bastianini rimangono in bagarre fino alla linea del traguardo che vede spuntarla il pilota spagnolo. Bene gli italiani con Migno sesto, Fenati settimo e DiGiannantonio nono: grazie a questo risultato Romano si è preso il titolo di vice campione del mondo Moto3, l’unico possibile in una stagione che ha visto in Mir il proprio dominatore.

Alice Lettieri 

 

sepang moto3

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.