Gara bagnata per la Moto3 al Sachsenring questa domenica, che ha visto il malese Khairul Pawi imporsi su tutti gli altri, vincendo con un ampio margine sul secondo. Primo podio di carriera per il pilota del team Leopard Andrea Locatelli che finalmente sembra aver trovato il giusto feeling con la sua KTM. Terzo Enea Bastianini che scattava dalla pole. Ottima gara per il rookie Fabio Di Giannantonio mentre opache le prestazioni degli altri italiani in pista. Molte le cadute dovute alle difficili condizioni del tracciato.

Alle 11:00 si sono spenti i semafori che hanno dat oil via ai 27 giri del Mondiale Moto3 sul tracciato del Sachsenring, il tempo nella notte è molto peggiorato, dando vita ad una gara bagnata che ha permesso agli specialisti di mettersi in mostra.

Ottima partenza di Enea Bastianini che scattava dalla pole ed è riuscito a mantenere la prima posizione, l’italiano non è mai stato a suo agio sul bagnato ma il suo approccio alla gara è stato fin da subito aggressivo, dietro di lui Bo Bendsneyder sulla KTM del team Ajo. In terza posizione Andrea Locatelli, che anche nelle prove di ieri si era fatto vedere molto incisivo sul tracciato del Sachsenring.

Al primo giro subito la caduta di Joan Mir che si è visto costretto ad abbandonare la corsa mentre Khairul Pawi, il malese che si era già mostrato uno specialista del bagnato in Argentina, ha iniziato la sua rimonta dalla ventesima posizione. Per il malese le difficili condizioni del tracciato di oggi sembrano essere la situazione ideale per mettere in mostra le sue potenzialità.

Nelle prime posizioni intanto si sono alternati Bendsneyder, Bastianini, Locatelli ma Pawi e Hiroki Ono, in rimonta, hanno superato il gruppo prendendo un ampio margine, col malese capace di far registrare giri veloci ad ogni passaggio, quasi incurante della pioggia che è caduta incessante per tutta la gara. A 20 giri dalla conclusione Ono ha commesso un errore che lo ha portato fuori pista ed è rientrato in quinta posizione. Questo ha permesso a Pawi di continuare il suo assalto solitario alla sua seconda vittoria in Moto3. Il malese a metà gara ha commesso un errore che gli ha fatto perdere qualche secondo di vantaggio ma visto il grande distacco sul secondo questo non ha messo in pericolo la sua posizione. 

A dieci giri dalla conclusione è iniziata la bagarre tra Brad Binder e Jorge Navarro: lo spagnolo voleva recuperare qualche punto sul leader del mondiale Moto3, approfittando delle difficile condizioni di oggi. Lotta a tre anche per il terzo gradino del podio tra Bastianini, John McPhee e Jakub Kornfeil mentre Locatelli ha continuato in seconda posizione dimostrando il suo talento sul bagnato.

A sette giri dalla bandiera a scacchi Navarro ha passato Binder e si è lanciato all’inseguimento di Fabio Di Giannantonio, il giovane rookie del team Gresini che si è reso protagonista di una bella gara in Germania, continuando così il trend positivo della stagione. La bagarre per la terza posizione è stata vinta da Bastianini che  riuscito a prendere margine sul gruppo, evitandosi una lotta all’ultima curva.

Negli ultimi giri Navarro ha tentato l’attacco su McPhee e Di Giannantonio ma dopo aver rischiato di finire a terra si è dovuto accontentare di chiudere in settima posizione.

Seconda vittoria quindi per Pawi, sempre più specialista del bagnato e primo podio di carriera per Locatelli che finalmente sembra aver trovato il giusto feeling con la sua KTM. Terzo posto per Bastianini che ha ritrovato fiducia dopo la caduta di Assen. Sul traguardo Di Giannantonio si è preso la quinta posizione ai danni di McPhee.

Molte sono state le cadute in questa difficile gara, oltre a Mir non hanno concluso la gara anche: Ono, Nicolo Bulega, Adam Norrodin, Jorge Martin, Andrea Migno, Darryn Binder, Juanfran Guevara e Lorenzo Petrarca.

Alice Lettieri

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.