La gara di Moto3 sul tracciato di Austin, in Texas, ha visto trionfare Jorge Martin autore di una corsa intelligente e tattica che lo ha visto rimanere defilato per la prima parte di gara per poi scappare a cinque giri dal termine. Con lui sul podio sono saliti Enea Bastianini e Marco Bezzecchi, che hanno regalato grandi sorpassi al pubblico americano accorso in circuito. Da sottolineare anche le prestazioni di Fabio Di Giannantonio, che è stato uno dei protagonisti della corsa, e Andrea Migno che ha fatto una grande rimonta partendo dalla 16ª piazza per chiudere ad un passo dal podio.

LA GARA. Jorge Martin, il poleman della gara di Austin per la Moto3, è scattato perfettamente mantenendo la prima piazza ma Fabio Di Giannantonio si è subito messo nella sua scia, mentre alla loro spalle cinque piloti sono scivolati alla prima curva dando così l’addio alla gara. Poco dopo anche Niccolò Antonelli è caduto alla 12, a seguito di un contatto con Alonso Lopez, ripartendo poi in corsa al gruppo guidato adesso da DiGiannantonio.

Al terzo giro la sorpresa è arrivata da Dennis Foggia, che con un sorpasso da vero maestro si è preso la prima posizione, proprio mentre Marco Bezzecchi mette le ruote davanti a Martin. Il gruppetto iniziale, composto da tre italiani, ha iniziato a dare vita ad una serie di sorpassi in pieno stile Moto3, dopo pochi giri anche Martin e Aron Canet hanno iniziato a lottare per il podio, dando modo a Philipp Oettl ed Enea Bastianini di ricucire il gap.

A 10 giri dalla conclusione della terza tappa della stagione 2018, Martin scavalca Bezzecchi, portandosi così all’inseguimento di Di Giannantonio in prima posizione, anche se i numerosi sorpassi hanno reso la gara vivace e tenere il conto delle posizioni è stata un’impresa impossibile dato che la situazione è cambiata curva dopo curva.

Nel gruppo di inseguitori da sottolineare le rimonte compiute da Andrea Migno e Livio Loi, partiti nelle retrovie per risalire la classifica, dando vita ad una gara molto positiva. A 5 tornate dal termine Martin si è preso la prima posizione cercando di cambiare passo per aumentare il gap sugli inseguitori che alle sue spalle hanno cercato di reagire: il più incisivo è stato Bastianini, che si è preso di forza la seconda piazza per poi lanciarsi all’inseguimento dello spagnolo.

Di Giannantonio invece ha perso 3 posizioni per un errore e la sua lotta per il podio è diventata più complicata mentre Martin, suo compagno di team, ha continuato a girare con un passo più rapido degli altri piloti. Alla fine del penultimo giro Di Giannantonio si è ripreso il terzo posto ai danni di Bezzecchi che poco dopo si è visto attaccare anche da Oettl, ma le sorprese non sono finite e i sorpassi per il terzo gradino del podio si sono fatti sempre più accesi tra Bezzecchi, DiGiannantonio, Oettl e Migno: alla fine la gara è stata vinta da Martin davanti a Bastianini e Bezzecchi, con Migno e Di Giannantonio rispettivamente quarto e quinto.

Gli altri italiani arrivati al traguardo sono stati: Foggia 16°, Lorenzo Dalla Porta 18°, Tony Arbolino 20° e Antonelli 23° mentre Nicolò Bulega è caduto a metà gara.

Alice Lettieri 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.