Foto ©Sky Racing Team VS 46 - Test Jerez

Si sono conclusi i primi test ufficiali di Moto3 e Moto2 sul circuito di Jerez de la Frontera, con i piloti che già nelle settimane precedenti avevano avuto l'opportunità di scendere in pista, ma mai tutti insieme come questa volta, avendo anche l'occasione di studiare i rivali: il tutto in attesa dei prossimi test, che si terranno in Qatar dall'11 al 13 marzo. Sono stati tre giorni interessanti e intensi per i giovani protagonisti che fin da mercoledì non si sono risparmiati: in ogni giornata si sono tenute varie sessioni per entrambe le categorie e oltre a molte conferme ci sono state delle sorprese, date soprattutto dai debuttanti e dai piloti impegnati nel passaggio da Moto3 a Moto2.

Si sono conclusi i primi test ufficiali di Moto3 e Moto2 sul circuito di Jerez de la Frontera, con i piloti che già nelle settimane precedenti avevano avuto l’opportunità di scendere in pista, ma mai tutti insieme come questa volta, avendo anche l’occasione di studiare i rivali: il tutto in attesa dei prossimi test, che si terranno in Qatar dall’11 al 13 marzo. Sono stati tre giorni interessanti e intensi per i giovani protagonisti che fin da mercoledì non si sono risparmiati: in ogni giornata si sono tenute varie sessioni per entrambe le categorie e oltre a molte conferme ci sono state delle sorprese, date soprattutto dai debuttanti e dai piloti impegnati nel passaggio da Moto3 a Moto2.

 

Il primo giorno, il confronto più importante per i giovani della Moto3 è stato quello tra Bulega e Antonelli, “vinto” dal debuttante dello Sky Racing Team che ha chiuso in prima posizione con un 1’46″591; anche gli altri italiani sono stati protgonisti, come Bastianini, Fenati e Migno, mentre Bagnaia sulla Mahindra si è visto distaccato di due secondi dai primi.

In Moto2 invece è stato lo svizzero Luthi a primeggiare, con il miglior tempo di 1’42″271, sia nel turno del mattino che in quello del pomeriggio; bene anche Lowes, Nakagami e Rins, mentre il campione in carica Zarco ha chiuso in ottava posizione, con 8 decimi di ritardo. Tra gli italiani impegnati nei test il migliore è stato Baldassarri che ha chiuso sesto; ottima prestazione anche per il debuttante Marini che è entrato nella top ten, seguito a ruota da Corsi e Morbidelli.

La seconda giornata di test Moto3 ha visto primeggiare un’altra volta un pilota dello Sky Racing Team: stavolta è però toccato a Fenati, quest’anno tra i candidati alla vittoria del campionato: il pilota ascolano ha fatto registrare il crono di 1’46″445 precedendo Navarro, Antonelli e Bulega, dopo un serrato confronto in pista.

In Moto2 il tempo di Luthi del primo giorno è stato abbattuto da Pons, che ha dominato la seconda giornata con 1’41″730: lo spagnolo è stato l’unico a riuscire ad abbattere il muro del 42″. In seconda posizione Rins, che quest’anno punta al titolo dopo la bellissima fine di stagione 2015, terzo Aegerter seguito a ruota dall’italiano Baldassarri, il quale ha dimostrato di poter dare fino da torcere ai suoi avversari. Gli altri italiani sono rimasti fuori dalla top ten: Corsi 11esimo, Morbidelli 15esimo, Marini 17esimo, Pasini 24esimo e Tonucci 29esimo.

L’ultima mattinata di test è stata caratterizzata dalla nebbia, che ha impedito ai piloti Moto3 e Moto2 il normale svolgimento delle prove: infatti sono stati pochi a scendere in pista e i loro tempi molto lontani da quelli fatti registrare nei giorni precedenti.

La Moto3 ha ripreso il normale svolgimento delle prove nel pomeriggio e la situazione è stata la fotocopia della prima giornata: infatti ha primeggiato Bulega, dimostrando di essere un debuttante d’eccezione, al termine di un altro confronto serrato con Antonelli. Terzo tempo per Navarro e quarto per Fenati, che rimane il primo nella classifica dei tempi combinati, mentre anche il terzo pilota dello Sky Racing Team, Andrea Migno, è entrato nei primi dieci, prendendosi l’ottava posizione. Test complicati per Bagnaia che ha chiuso 17esimo sulla Mahindra, confermando i problemi della sua moto. Test interessanti e rivelatori quelli della Moto3, che fanno prospettare una stagione combattuta tra molti giovani talenti e, tra questi, gli italiani sembrano brillare.

Nel pomeriggio anche i piloti di Moto2 hanno potuto effettuare regolarmente i test ed il più veloce è stato Lowes, sia sul passo che sul giro secco, anche se non è sceso sotto al muro del 42″. In seconda posizione l’italiano Baldassarri, che esce a testa alta da questi test dopo tre giorni di ottime prestazioni: il pilota del team Forward si conferma candidato al titolo della stagione 2016. Per rimanere in argomento, in terza posizione troviamo Rins, distanziato di un solo decimo dal primo.

Il campione in carica Zarco invece si trova in 12esima posizione: molto attardato, il francese dovrà lavorare per difendere il titolo; anche gli italiani hanno chiuso questi test con delle difficoltà. Infatti, escludendo Baldassarri, nessuno degli altri è riuscito a rientrare nella top ten: Corsi 13esimo, Morbidelli 16esimo, Marini 18esimo, Pasini 26esimo e Tonucci 28esimo.

La Moto2 ha dimostrato di aver fatto molti passi avanti durante questi primi test ufficiali abbassando molto i tempi registrati nelle passate stagioni, il che di sicuro renderà la categoria più interessante e competitiva: i motivi sono molteplici e esulano anche dal talento dei protagonisti. Infatti, in Moto2 ci sono state delle novità tecniche, come lo sviluppo dei telai Kalex; in più il fornitore unico delle gomme, la Dunlop  ha apportato delle modifiche alla mescola che verranno testate durante la stagione.

In molti sono anche convinti che la grande differenza verrà fatta dalla competizione tra le aziende produttrici di forcelle e sospensioni che promettono di darsi battaglia per aiutare i piloti nelle gare.

I primi test IRTA hanno stupito gli appassionati e speriamo che quelli del Qatar dall’11 al 13 marzo non siano da meno: la lotta al Mondiale prende vita e l’inizio dei Campionati si avvicina.

 

Moto2 – Classifica riassuntiva delle giornate di test a Jerez

1 – A. Pons – Kalex – 1’41″730

2 – S. Lowes – Kalex – 1’42″075

3 – L. Baldassarri – Kalex – 1’42″174

4 – A. Rins – Kalex – 1’42″186

5 – T. Luthi – Kalex – 1’42″271

6 – D. Aegerter – Kalex – 1’42″323

7 – T. Nakagami – Kalex – 1’42″372

8 – J. Folger – Kalex – 1’42″388

9 – S. Cortese – Kalex – 1’42″497

10 – M. Schrotter – Kalex – 1’42″530

11 – L. Salom -Kalex – 1’42″695

12 – D. Kent – Kalex – 1’42″789

13 – S. Corsi – Speed Up – 1’42″943

14 – J. Zarco – Kalex – 1’42″952

15 – A. Marquez – Kalex – 1’42″953

16 – X. Simeon – Speed Up – 1’43″116

17 – E. Pons – Kalex – 1’43″132

18 – F. Morbidelli – Kalex – 1’43″155

19 – L. Marini – Kalex – 1’43″238

20 – X. Vierge – Tech3 – 1’43″329

21 – M. Pasini – Kalex – 1’43″351

22 – R. Wilairot – Kalex – 1’43″497

23 – M. Oliveira – Kalex – 1’43″620

24 – J. Simon – Speed Up – 1’43″731

25 – J. Raffin – Kalex – 1’43″924

26 – H. Syahrin – Kalex – 1’44″102

27 – I. Viñales – Tech3 – 1’44″261

28 – R. Mulhauser – Kalex – 1’44″338

29 – A. Tonucci – Kalex – 1’45″714

30 – E. Vazquez – Suter – 1’46″628

 

Moto3 – Classifica riassuntiva dei tre giorni di Test a Jerez

1 – R. Fenati – KTM – 1’46″445 

2 – J. Navarro – Honda – 1’46″505  

3 – N. Bulega – KTM – 1’46″539

4 – N. Antonelli – Honda – 1’46″550

5 – B. Binder – KTM – 1’46″618

6 – E. Bastianini – Honda – 1’46″725

7 – J. Mir – KTM – 1’46″725

8 – L. Loi – Honda – 1’46″890

9 – J. Martin – Mahindra – 1’46″894

10 – A. Migno – KTM – 1’47″021

11 – P. Oettl – KTM – 1’47″186

12 – F. Quartararo – KTM – 1’47″303

13 – J. Guevara – KTM – 1’47″353

14 – J. Kornfeil – Honda – 1’47″419

15 – F. Bagnaia – Mahindra – 1’47″447

16 – G. Rodrigo – KTM – 1’47″504

17 – J. Danilo – Honda – 1’47″533

18 – A. Canet – Honda – 1’47″563

19 – B. Bendsneyder – KTM – 1’47″730

20 – M. Herrera – KTM – 1’47″876

21 – A. Locatelli – KTM – 1’47″876

22 – K. I. Pawi – Honda – 1’47″903

23 – D. Binder – Mahindra – 1’48″038

24 – K. Hanika – Mahindra – 1’48″048

25 – J. McPhee – Peugeot – 1’48″085

26 – T. Suzuki – Mahindra – 1’48″188

27 – H. Ono – Honda – 1’48″245

28 – A. Masbou – Peugeot – 1’48″492

29 – F. Di Giannantonio – Honda – 1’48″539

30 – A. Norrodin – Honda – 1’48″642

31 – S. Valtulini – Mahindra – 1’49″159

32 – L. Petrarca – Mahindra – 1’49″226

33 – F. Spiranelli – Mahindra – 1’50″537

Alice Lettieri

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.