Vittoria più sofferta del previsto per Marc Marquez nel Gran Premio d’Italia svoltosi al Mugello, con lo spagnolo che ha dovuto prima vedersela con Andrea Iannone nei primi 2-3 giri e poi con il ritrovato Jorge Lorenzo per tutto il resto della gara. L’orgoglio spartano di Lorenzo ha resistito strenuamente fino all’ultimo giro, quando il maiorchino ha dovuto cedere la posizione a Marquez senza però mollare e tentare il sorpasso fino all’ultima curva. Terzo posto per Valentino Rossi che ritorna sul podio del Mugello dopo la sfortunata gara del 2013 finita dopo due curve.

La gara. Partenza perfetta per Andrea Iannone che riesce a bruciare Marc Marquez e presentarsi alla San Donato in testa, prima di essere scavalcato da Jorge Lorenzo che ha la traiettoria a suo favore. Nel frattempo Valentino Rossi ha già recuperato 3 posizioni ed è già 7°. Dietro scivola Crutchlow la cui moto va a centrare quella dell’incolpevole Bradl facendo fare un brutto volo al tedesco, già autore di una caduta nel warm up della mattina. Lorenzo è in testa davanti a Iannone che si tiene dietro Marquez, mentre Rossi recupera ed è già quarto nello spazio di pochi giri. Marquez si libera di Iannone e va alla caccia di Lorenzo che nel frattempo si era costruito un piccolo margine sullo spagnolo della Honda, mentre Rossi attacca e passa Iannone alla Luco-Poggio Secco. Si forma ben presto un terzetto composto da Lorenzo, Marquez con Rossi ad inseguire, Iannone è tranquillo in quarta posizione seguito da Pol Espargarò, Andrea Dovizioso e Daniel Pedrosa, il quale è rimasto indietro non riuscendo a recuperare terreno. Marquez chiude il gap con Lorenzo, mentre Rossi fatica a tenere il passo pur facendo da elastico, perdendo e guadagnando ogni giro. Il resto della gara è un duello all’ultima staccata tra Lorenzo e Marquez. Il maiorchino vuole fortemente la sua 4° vittoria consecutiva al Mugello, mentre lo spagnolo della Honda vuole la 6° consecutiva della stagione per allungare il classifica e mettere una seria ipoteca sul suo secondo mondiale in MotoGP. Lorenzo non ci sta e vende cara la pelle con Marquez: sorpassi e controsorpassi ad ogni giro, manovre al limite, contatti sfiorati. Rossi non tiene il passo dei due spagnoli e si stacca progressivamente pur tenendoli a tiro. Nel frattempo Pedrosa si libera prima di Dovizioso e poi di Pol Espargarò e va alla caccia di Iannone per il quarto posto finale. Ne nasce una bella bagarre con il pilota Ducati, vinta però dallo spagnolo della Honda. Ultimi giri da cardiopalma con sorpassi e controsorpassi tra Lorenzo e Marquez e con Rossi che recupera terreno grazie alle scaramucce dei due spagnoli. All’ultimo giro Marquez passa Lorenzo, ma il maiorchino non molla e si incolla alla Honda provando in tutti i modi a replicare il sorpasso di MM93, fino a quando alla Bucine tenta una traiettoria impossibile per uscire più veloce di Marquez ma la Yamaha si scompone leggermente e Marquez può chiudere la gara al comando davanti a Lorenzo. Terzo posto per Valentino Rossi che conquista così il 151° podio in classe regina e la seconda posizione nel mondiale a scapito di Pedrosa finito solo 4°.

Marco Pezzoni

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 173.8 41’38.254
2 20 99 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 173.8 +0.121
3 16 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 173.6 +2.688
4 13 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 172.8 +14.046
5 11 44 Pol ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 172.7 +15.603
6 10 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 172.6 +17.042
7 9 29 Andrea IANNONE ITA Pramac Racing Ducati 172.6 +17.129
8 8 19 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 171.9 +27.407
9 7 41 Aleix ESPARGARO SPA NGM Forward Racing Forward Yamaha 170.9 +41.886
10 6 68 Yonny HERNANDEZ COL Energy T.I. Pramac Racing Ducati 170.7 +45.212

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.