Il Corsaro è ancora ricoverato in terapia intensiva al San Camillo di Roma, dopo la caduta in allenamento a Latina sul tracciato del Sagittario e conseguenti operazioni chirurgiche per ridurre le lesioni riportate. Al suo fianco la compagna e cantante Bianca Atzei ed il padre, che non ha mancato di mandare frecciatine ai due mondi che hanno reso grande il pilota romano: il Motomondiale e la Superbike.

Sono passati ormai 13 giorni dal momento del ricovero di Max Biaggi in ospedale a Roma, in seguito alla caduta mentre si allenava con la sua moto da Supermotard sul tracciato del Sagittario di Latina. “Cortesia” di un high side che ha scaraventato Max per terra, procurandogli delle lesioni al torace ed alla spalla.

Biaggi è stato subito trasportato d’urgenza a Roma in codice rosso, ma fortunatamente non in pericolo di vita. Il Corsaro si sarebbe rialzato da solo dopo la caduta, ma poi avrebbe accusato il colpo e di lì a poco l’arrivo dell’elisoccorso che lo ha poi portato all’ospedale San Camillo di Roma. Qui si trova tutt’ora in terapia intensiva con prognosi riservata per monitorare i miglioramenti dello stato di salute del 46enne ex-pilota 4 volte campione 250, bicampione Superbike ed ora manager del suo stesso team, il Max Racing Team, per CIV e CEV.

Il primo bollettino medico dell’ospedale parlava di costole fratturate e frattura anche della clavicola sinistra per il campione romano. Subito si sono precipitati al capezzale l’attuale compagna, la cantante Bianca Atzei, e l’ex compagna nonché madre dei suoi figli, Eleonora Pedron oltre al papà che non ha mancato di tirare una frecciata ai due mondi che hanno reso famoso il rider capitolino, Motomondiale e Superbike, sottolineando come nessun pilota sia passato a trovare Biaggi.

Max rimane tuttavia in terapia intensiva, ma le ultime notizie sono confortanti: l’ex pilota ha comunque subito diversi interventi, tra i quali un drenaggio toracico, per aiutarlo a respirare viste le 11 costole rotte ed i due polmoni lesionati nella caduta. Le ultime notizie danno anche un Biaggi che può respirare autonomamente: gli è stato tolto infatti il respiratore che nei giorni scorsi aiutava il campione romano, vista la situazione toracica abbastanza seria.

Siamo sicuri che Max ne uscirà più forte di prima da questa brutta vicenda e non vediamo l’ora di ritrovarlo presto nel paddock del Motomondiale, così come nei campionati CIV e CEV a riprendere il suo posto in qualità di team manager.

Forza Max!

Marco Pezzoni @marcopezz2387

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.