indycar

E’ stato svelato pochi minuti fa il calendario 2023 della NTT IndyCar Series. Pochi, anzi quasi nessuno, i cambiamenti rispetto alla stagione da poco conclusasi con la vittoria del titolo da parte di Will Power, con l’unica novità rappresentata dal GP di Detroit che “trasloca” dalla storica sede di Belle Isle al centro cittadino.

17 GARE SU 15 CIRCUITI

Come detto il calendario 2023 non si discosterà dal quello del campionato appena terminato, con 17 gare che vanno dalla prima settimana di marzo all’inizio di settembre su 12 percorsi stradali e 5 ovali.

PARTENZA IL 5 MARZO

Si partirà, come da anni ormai, con il GP di St. Petersburg nel weekend del 3-5 marzo e con la seconda gara, quella del Texas Motor Speedway, dopo quasi un mese (1-2 aprile). Da lì in poi non ci saranno soste con una successione di gare che porteranno al gran finale di Laguna Seca del 10 settembre.

POCHI CAMBIAMENTI

Per il resto davvero pochissimi cambiamenti nelle date, eccetto la seconda gara sullo stradale di Indianapolis che dalla fine di luglio si sposta a metà agosto. Confermato il mese di maggio come quello clou, con la prima gara sullo stradale il 13 maggio e con la 500 Miglia di Indianapolis programmata per il 28. Altra modifica riguarda Detroit, con la gara programmata per il 4 giugno, con la serie che correrà nel Renaissance Center, come voluto fortemente dai vertici della IndyCar, sostituendo la “storica” sede di Belle Isle.

CINQUE GARE SU OVALI

Saranno cinque le gare su ovale con il Texas come prima tappa, e a seguire oltre alla Indy 500 il double header in Iowa (22-23 luglio) e la chiusura al World Wide Technology Raceway il 27 agosto.

NESSUN CONFLITTO CON LE ALTRE GARE

A differenza di quanto accaduto con il calendario della Formula 1 recentemente diramato, non ci sarà nessun conflitto o sovrapposizione con la 12 ore di Sebring o la 24 Ore di Le Mans. Decisamente un maggior rispetto per le altre categorie del motorsport…

INTENSITA’ AI MASSIMI STORICI

Abbiamo lavorato duramente per raggiungere l’equità di data e sedi, che è stato un obiettivo costante in IndyCar. Siamo entusiasti di tornare nel centro di Detroit e le riasfaltature di Road America e WeatherTech Raceway Laguna Seca aggiungeranno nuove sfide per i piloti e i team. Anche il livello di intensità sarà ai massimi storici poiché concludiamo la stagione con tre fine settimana di fila“, il commento del presidente della NTT IndyCar Series Jay Frye a margine della presentazione del calendario 2023.

Vincenzo Buonpane

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.