Sul tracciato del Wisconsin ad imporsi è il pilota del team Andretti che, con il secondo successo stagionale, si rimette pienamente in corsa per il titolo. Dietro Rossi chiudono il podio le due Penske di Will Power e Josef Newgarden, mentre delude il poleman Colton Herta solo 8° al traguardo.




Dopo un dominio, stile Hamilton al Paul Ricard, Alexander Rossi è riuscito a portare a casa una vittoria che mancava dalla gara di Long Beach. Il pilota italo-americano, dopo aver fulminato Colton Herta allo start, non ha più mollato la testa della corsa fino alla bandiera a scacchi, andando a conquistare la sua vittoria numero sette in carriera.

La cronaca. Alla green flag Rossi è lesto a ad affiancare Herta per prendere la leadership della gara, mentre più indietro Dixon e Ryan Hunter-Reay vengono a contatto, con quest’ultimo che precipita in ultima posizione.

Nei primi giri impazzano i duelli, con Sato e Newgarden che si scambiano le posizioni. Il giapponese, in curva 3, viene a contatto con Hinchcliffe finendo sull’erba e perdendo svariate posizioni.

Nei primi 15 giri Rossi aumenta decisamente il suo ritmo nei confronti di Herta che, in difficoltà, viene superato in successione prima da Power e poi anche da Rahal. Ma i guai per il rookie non sono finiti, visto che nel corso della sua sosta ai box perde decisamente tempo per un problema nell’inserimento del bocchettone.

Dopo la prima tonata di soste, la classifica non presenta variazioni con Rossi al comando davanti a Power, Newgarden, Hinchcliffe e Rahal, con Herta scivolato all’ottavo posto e alle prese con un Pagenaud che lo pressa tentando di superarlo.

Anche dopo la seconda tornata di soste, la situazione di classifica non cambia con Rossi che ha aumentato il suo vantaggio su un Power alle prese con la forte pressione di Newgarden. Seguono Hinchcliffe, Rahal, Hertha, Dixon, Rosenqvist, Pagenaud e Hunter-Reay.

Le tornate finali di gara servono solamente per assistere alla risalita di Herta che, forte del set di gomme morbide a disposizione, prova disperatamente a risalire la china. Ma negli ultimi giri il figlio d’arte accusa un calo prestazionale delle sue gomme, gli fa subire i sorpassi sia di Dixon che di Rosenqvist.

Al termine dei 55 giri previsti è Alexander Rossi a tagliare per primo il traguardo, davanti alle due Penske di Will Power e Josef Newgarden. Chiudono la Top 10 Rahal (4°),Dixon (5°),  Rosenqvist (6°), Hinchcliffe (7°), Herta (8°), Pagenaud (9°) e Sato. In classifica generale comanda sempre Newgarden con 402 punti, seguito da Rossi con 395, Pagenaud 341, Dixon con 308 e Power con 294.

Per il prossimo appuntamento (weekend del 12-14 luglio) la serie si sposta in Canada per l’Honda Indy Toronto.

Vincenzo Buonpane

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.