Seconda gara della stagione e seconda pole position per il campione del mondo Sebastian Vettel. A Sepang il pilota tedesco scatterà per la 38° volta in carriera dalla prima posizione, dopo aver realizzato la migliore prestazione in 1’49″674 in condizioni di asfalto decisamente similari a quelle di Melbourne. La pioggia caduta difatti prima del Q3 ha difatti costretto tutti i big ad utilizzare le coperture intermedie nell’ultima parte delle qualifiche, con Vettel che ha rifilato ben nove decimi di distacco al ferrarista Felipe Massa, il quale torna in prima fila dopo tre anni. Terzo tempo per Fernando Alonso, che completa così un’ottima prestazione della Ferrari, davanti a Lewis Hamilton. Terza fila per Webber e Rosberg, con Raikkonen, Button, Sutil e Perez a completare la top ten. Ma andiamo a ripercorrere quanto accaduto nel corso della sessione di qualifica:

Q1: nessun pericolo pioggia, dopo un breve scroscio al termine delle libere. E’ Chilton il primo a scendere in pista dopo quasi tre minuti, seguito da Bottas. Quasi tutti scelgono di entrare in pista con gomme Hard: Rosberg si porta in testa con 1.37.2, seguito da Alonso a 0″075, poi Hamilton e Button a tre decimi. Scelta diversa, invece, per Force India e Lotus, le quali montano subito la mescola morbida: Sutil balza in testa in 36.8, mentre Raikkonen va in P2 con 36.9 e Grosjean P4 in 37.3. Anche la Red Bull sceglie l’opzione Medium: eppure Webber sembra faticare più del previsto, riuscendo ad entrare nella Top 16 per soli 0″2 al primo tentativo. La sessione si chiude con il primato di Sutil davanti a Raikkonen, Rosberg, Alonso e Grosjean. Eliminati Vergne, Bottas, Bianchi, Pic, Chilton e Van Der Garde.

Q2: stavolta entrano tutti da subito con le Medium. Primi riscontri cronometrici: 36.8 per Sutil, subito battuto dal 36.1 di Rosberg e dal 36.5 di Hamilton. Gran tempo per il tedesco della Mercedes. Mentre inizia a vedersi qualche goccia di pioggia all’ultimo tornante, le Ferrari si piazzano in P6 con Massa e in P7 con Alonso. Di Resta è ancora fuori ma la pioggia aumenta, prima rischia di impantanarsi ed al giro successivo finisce in testacoda nel T2. Niente da fare, dunque, per Grosjean, Hulkenberg, Ricciardo, Gutierrez, Di Resta e Maldonado.

Q3: piove ed in alcuni punti del tracciato la pista è particolarmente bagnata. Tutti in pista con le intermedie, primi riscontri: Vettel 52.5, Rosberg 53.8, Massa 53.9, Alonso 54.1. Alcuni piloti, tra cui Raikkonen e Vettel, scelgono di rientrare ai box per montare un set nuovo di intermedie, mentre Webber si porta in seconda posizione. La pista migliora ma non al punto di poter utilizzare le slick: Hamilton ottiene si porta in testa con 51.6. L’ultimo giro è decisivo: Vettel stacca un fantastico 1’49″674 che gli regala la seconda pole stagionale, rifilando un secondo a Massa, il quale torna in prima fila dopo tre anni. Seconda fila per Alonso ed Hamilton, poi Webber-Rosberg.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.