Il finlandese Kimi Raikkonen ha conquistato il Gp Australia, prova inaugurale della stagione 2013 di Formula 1. Il pilota della Lotus ha preceduto sul traguardo il ferrarista Alonso, con Vettel a completare il podio di Melbourne. Al 4° posto è giunta l’altra Ferrari di Massa, con Hamilton, Webber, Sutil, Di Resta, Button e Grosjean a completare la zona punti. E’ stata una gara sorprendente, capace di sovvertire i pronostici di coloro che alla vigilia indicavano nella Red Bull la vettura da battere: in realtà, sul passo gara la vettura di Newey si è dimostrata tutt’altro che irresistibile, battuta da una Lotus capace con Raikkonen di portare a termine la gara con soli due pit stop, uno in meno dei principali rivali. Grande merito va attribuito alle doti di guida del campione del mondo 2007, capace di gestire i propri pneumaticici sino al termine e contenendo agevolmente il ritorno finale di Alonso. Per la Rossa si è trattato comunque di una gara estremamente positiva, con entrambi i piloti costantemente nelle posizioni di vertice. Più staccata è sembrata la Mercedes, giunta 5° al traguardo con Hamilton ma costretta al ritiro con Rosberg per problemi tecnici. A punti entrambe le Force India, con Sutil che ha anche condotto in testa la gara per diversi giri, prima di crollare nel finale con le SuperSoft. Deludenti, infine, le prestazioni di Webber e Grosjean, a punti ma entrambi giunti molto staccati dai rispettivi compagni di squadra, e delle McLaren, P9 con Button e P11 con Perez sotto la bandiera a scacchi. Ma ecco la cronaca dei principali avvenimenti del Gp Australia:

Start. Parte bene Vettel dalla pole, alle sue spalle malissimo Webber mentre è buono lo spunto delle Ferrari, che si portano alle spalle del leader con Massa e Alonso. Nessuno contatto nelle retrovie.

Giro 1. Si conclude la prima tornata con Vettel davanti a Massa, Alonso, Hamilton, Raikkonen, Rosberg, Webber, Sutil e Perez.

Giro 2. E’ subito battaglia tra le due Ferrari, con Alonso che tenta il sorpasso e Massa che resiste più volte. Alle loro spalle Raikkonen scavalca Hamilton.

Giro 5. Button rientra subito ai box per il pit stop, imitato da Webber. Massa si porta a soli 0″7 da Vettel che sembra già accusare un calo nelle prestazioni.

Giro 7. Entrambe le Ferrari sono in scia a Vettel. I tempi si alzano un pò per tutti, il più veloce è Raikkonen in 34.7

Giro 8. Sosta per Vettel, che rientra P11. Il giro dopo ai box anche Massa, che si ritrova alle spalle del tedesco e di Maldonado.

Giro 9. Primo pit stop anche per Alonso e Raikkonen

Giro 12. In testa c’è Hamilton, seguito da Rosberg e Sutil: nessuno di loro si è ancora fermato. Alle loro spalle Vettel, Massa, Perez, Alonso e Raikkonen

Giro 13. Sosta per Hamilton, il quale cede il comando al compagno Rosberg

Giro 15. In testa c’è ora Sutil, dopo che anche Rosberg si è fermato ai box

Giro 17. Il tedesco della Force India tiene agevolmente la testa con le gomme Medium. Ad oltre un secondo c’è Vettel con le Ferrari in scia, mentre da dietro rinviene anche Raikkonen

Giro 19. Seconda sosta per Webber: soltanto 13 giri per l’australiano della Red Bull con la mescola più dura

Giro 20. La classifica: Sutil, Massa, Alonso, Raikkonen, Hamilton, Rosberg, Button

Giro 21. Veloce seconda sosta per Alonso in soli 2″8: l’obiettivo è quello di scavalcare gli avversari sfruttando le gomme più fresche

Giro 22. Secondo pit stop anche per Sutil e Vettel, i quali rientrano in pista alle spalle dello spagnolo della Ferrari

Giro 24. Raikkonen si porta al comando dopo la sosta di Massa, il quale rientra alle spalle anche di Alonso, Vettel e Sutil

Giro 26. Errore di Maldonado che finisce nella ghiaia alla prima curva e deve ritirarsi. Intanto inizia a cadere qualche goccia di pioggia nel primo settore

Giro 27. Si ferma in pista Rosberg: per la Mercedes ancora problemi di affidabilità

Giro 28. Raikkonen (una sola sosta per lui) al comando con 13″ su Hamilton, poi Alonso, Vettel, Sutil e Massa

Giro 32. Bella battaglia tra Hamilton e Alonso con lo spagnolo che riesce a passare al secondo posto. L’inglese rientra ai box e ora Raikkonen dispone di un vantaggio di 16″ sul ferrarista.

Giro 34. Secondo pit stop per Raikkonen, che rientra P5. Davanti Alonso inanella una serie di giri veloci

Giro 37. Sosta anche per Massa, a 21 giri dal termine, imitato subito dopo da Vettel che cambia le gomme in 3″

Giro 40. Alonso si ferma per la terza volta: Sutil torna leader davanti a Raikkonen

Giro 47. Sutil monta le SuperSoft dopo essere stato superato da Raikkonen ed Alonso

Giro 48. Dieci giri al termine: Raikkonen, Alonso, Vettel, Massa, Sutil, Hamilton, Webber, Di Resta, Button e Grosjean in zona punti

Giro 52. Sutil, in grossa difficoltà con le gomme morbide, subisce il sorpasso Da Hamilton prima e da Webber poi

Giro 55. Iceman conserva un vantaggio di 6″ su Alonso, il quale rischia di toccarsi col doppiato Pic

Giro 58. Trionfo per Raikkonen che conquista il Gp Australia. Completano il podio Alonso e Vettel

Classifica finale Gp Australia (Melbourne):

1. Raikkonen Lotus-Renault 1h30:03.225
2. Alonso Ferrari + 12.451
3. Vettel Red Bull-Renault + 22.346
4. Massa Ferrari + 33.577
5. Hamilton Mercedes + 45.561
6. Webber Red Bull-Renault + 46.800
7. Sutil Force India-Mercedes + 1:05.068
8. Di Resta Force India-Mercedes + 1:08.449
9. Button McLaren-Mercedes + 1:21.630
10. Grosjean Lotus-Renault + 1:22.759
11. Perez McLaren-Mercedes + 1:23.367
12. Vergne Toro Rosso-Ferrari + 1:23.857
13. Gutierrez Sauber-Ferrari + 1 giro
14. Bottas Williams-Renault + 1 giro
15. Bianchi Marussia-Cosworth + 1 giro
16. Pic Caterham-Renault + 2 giri
17. Chilton Marussia-Cosworth + 2 giri
18. Van Der Garde Caterham-Renault + 2 giri

Giro più veloce: Raikkonen, 1:29.274

Non classificati / ritirati:

Ricciardo Toro Rosso-Ferrari 40
Rosberg Mercedes 26
Maldonado Williams-Renault 25
Hulkenberg Sauber-Ferrari 1

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.