E’ finalmente scesa per la prima volta in pista la nuova Formula 4, la vettura che dal prossimo 8 giugno darà vita al neonato Italian F.4 Championship Powered by Abarth con regolamento FIA. Il direttore della Scuola Federale ACI-CSAI, Raffaele Giammaria, ha completato 120 giri sotto gli occhi degli ingegneri che si sono occupati dello sviluppo della Tatuus F4 TO14.

A fine giornata Giammaria, soddisfatto della performance della monoposto, ha dichiarato sul sito della serie: “Ho avuto sensazioni molto positive, credo sia una formula che ben si adatta ai ragazzi che provengono dal kart, ma si presta anche bene a chi ha un po’ più di esperienza. Nonostante, rispettando il regolamento FIA, la vettura abbia poco carico aerodinamico, Tatuus ha fatto un ottimo lavoro a livello di telaio ed il connubio con gli pneumatici Pirelli permette di sopperire a questa mancanza. Il motore Abarth già lo conosciamo e, con qualche cavallo in meno, è diventato un po’ più dolce ai bassi regimi, ma ha conservato un’ottima progressione e una velocità di punta di tutto rispetto. In aggiunta, il cambio al volante consentirà ai ragazzi di avere una vettura un po’ più semplice, ma con una tipologia di guida che si avvicina a categorie di livello superiore.” I primi test collettivi si svolgeranno il 16 maggio sul tracciato di Adria, proprio da dove la stagione prenderà il via nel mese di giugno, anche per permettere ai giovani piloti di terminare gli studi scolastici senza intoppi. L’appuntamento seguente si terrà il 29 giugno a Imola, il terzo il 13 luglio al Mugello, al quale seguirà quello del 3 agosto a Magione. Il 14 settembre si disputerà la gara a Vallelunga per poi trasferirsi a Monza il 28 settembre. L’ultimo appuntamento stagionale sarà sull’unico tracciato straniero presente in calendario: quello di Montmelò, nei pressi di Barcellona, il 19 ottobre.

Giulia Scalerandi

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.