Sergey Sirotkin sostituirà questo weekend Alex Albon nella tappa di Baku, teatro del quarto round stagionale di FIA F2. Dopo l'esperienza nella 24h di Le Mans, il russo si prepara a tornare nuovamente in pista a bordo della vettura del team francese ART GP (scuderia con la quale ha disputato lo scorso anno la serie) nella "terra" di Antonio Giovinazzi (il pugliese lo scorso anno aveva infatti trionfato in entrambe le manche), per rimpiazzare lo sfortunato anglo-tailandese, fermato da una caduta in bici durante un allenamento che gli ha provocato la frattura di una clavicola.

Dunque si tratta di una nuova sfida per l’ex collaudatore Renault che, un anno dopo, si dovrà nuovamente confrontare con colleghi vecchi e nuovi, come l’inglese del team Dams Oliver Rowland o il nostro Luca Ghiotto (Russian Time), ma anche con il duo Prema formato dal monegasco Charles Leclerc (attuale leader del FIA F2) ed il nostro Antonio Fuoco.

A comunicare per primo la notizia è stato il team parigino ART GP, che nel pomeriggio di ieri ha comunicato su Twitter: “Sergey Sirotkin sostituirà Alex Albon a Baku, a causa di un problema di salute di Alex. Auguriamo una veloce guarigione ad Alex”.

Nella serata di ieri sera, invece è stato lo stesso Alex Albon a dichiarare (sul proprio profilo Twitter) informazioni più precise sulla causa della sua assenza nella tappa in Azerbaijan, postando una foto di sè stesso nel letto d’ospedale: “Posso ufficialmente dire che mi trovo meglio sulle quattro ruote ruote rispetto alle due…Sono caduto dalla bici durante un allenamento la scorsa settimana, rompendomi la clavicola. Ora mi concentro su Spielberg”

Si rinnova dunque la sfida sul circuito cittadino di Baku per i giovanissimi del FIA F2 alla caccia del leader Charles Leclerc, dove, anche grazie alla presenza di Sirotkin, non mancherà sicuramente lo spettacolo.

Giulia Scalerandi

 

{jcomments on}

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.